Russia, piloti di linea chiamati alle armi: l'80% potrebbe andare al fronte

La mobilitazione arriva dopo che il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha dichiarato che sarebbero stati richiamati circa 300.000 riservisti

Venerdì 23 Settembre 2022 di Gianluca Cordella
Russia, piloti di linea chiamati alle armi: l'80% potrebbe andare al fronte

Gli aeroporti presi d'assalto dai riservisti in fuga sono stati solo la prima istantanea della chiamata alle armi di Vladimir Putin, di quella “mobilitazione parziale” che ha il suo unico precedente nel 1941, quando l’esercito nazista si preparava all’invasione dell’Unione Sovietica. Protagonisti, fatalmente, sono ancora gli scali aeroportuali. Secondo quanto riportato dal Kommersant, infatti, oggi i dipendenti di almeno cinque compagnie aeree (tra cui la compagnia di bandiera russa Aeroflot) e di almeno dieci aeroporti sono stati raggiunti dagli avvisi di coscrizione. Una mobilitazione che è appena alla fase iniziale considerando che potenzialmente una percentuale che oscilla tra il 50 e l'80% dei dipendenti potrebbe essere chiamata alle armi. Restando in casa Aeroflot, si stima che più della metà del personale complessiva delle tre compagnie che compongono il gruppo ha i requisiti per riceve la lettera di arruolamento.

Fuga dalla Russia, in coda al confine con la Georgia. «Persone scappate anche con le bici»

Dipendenti compagnie aeree russe chiamati al fronte, le motivazioni

Il fenomeno è presto spiegato: la maggior parte dei piloti delle compagnie aeree è costituita da ufficiali di riserva addestrati nei dipartimenti militari delle scuole di volo o da privati che hanno comunque completato il servizio militare. Il che potrebbe portare a un impoverimento drastico del personale che ha già spinto almeno cinque compagnie a compilare – e a inviare al Cremlino - elenchi di dipendenti da esentare. Si tratta non solo di piloti e controllori del traffico aereo, ma anche di specialisti tecnici, commerciali e informatici. Personalità strategiche, insomma, non sostituibili dal giorno alla notte.

Putin sotto pressione: dà ordini personalmente agli ufficiali sul campo. «Vuole accelerare la guerra»

I riservisti richiamati

La mobilitazione arriva dopo che il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha dichiarato che sarebbero stati richiamati circa 300.000 riservisti e che sarebbero stati tutti specialisti con esperienza di combattimento. Per questo i piloti di aerei sono stati tra i primi a essere raggunti dalla chiamata alle armi.

Ultimo aggiornamento: 24 Settembre, 07:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA