IL CASO

Gli Usa abbattono il pallone spia cinese sull'Atlantico, l'ordine partito da Biden. Cina: «Ci riserviamo reazioni». E licenzia il capo del servizio meteo

Le ripercussioni a livello internazionale del maxi mezzo di spionaggio nei cieli degli Stati Uniti (e non solo)

Sabato 4 Febbraio 2023

Pechino licenzia il capo del servizio meteorologico nazionale

Le autorità cinesi hanno sollevato dal suo incarico il capo del servizio meteorologico nazionale, Zhuang Guotai, dopo l'incidente diplomatico causato dal pallone spia che ha sorvolato i cieli americani. Lo riporta l'agenzia di stampa Xinhua, ricordando che a fine gennaio Zhuang è stato eletto capo del Comitato consultivo politico popolare della provincia occidentale del Gansu, l'organo consultivo politico provinciale.

Biden riscrive il discorso sullo stato dell'unione

La Cina convitato di pietra al discorso dello Stato dell'Unione di Joe Biden. Il presidente e la sua squadra stanno riscrivendo la parte del discorso dedicata a Pechino dopo il caso del pallone-spia puntando a un duplice obiettivo: segnalare alla Cina e non solo che non saranno tollerate violazioni dello spazio aereo statunitense e convincere gli americani - soprattutto i repubblicani - che Biden ha fatto tutto quello in suo potere per difendere l'America. Allo stesso tempo il presidente non vuole chiudere a Pechino e vuole mantenere la possibilità per la sua amministrazione di continuare a cooperare con la Cina su temi come l'economia globale e il cambiamento climatico. Lo scorso anno era stata la guerra in Ucraina a costringere Biden a rivedere interamente il suo discorso sullo Stato dell'Unione, pronunciato sei giorni dopo l'inizio dell'invasione russa. Per il presidente fu l'occasione di inviare un messaggio chiaro agli oligarchi russi: «Troveremo e sequestreremo i vostri yacht, i vostri appartamenti di lusso e i vostri private jet», disse. Ora con il discorso di martedì prossimo spera di avere lo stesso successo con la Cina.

Cina: "Reazione eccessiva"

Gli Usa hanno abbattuto il pallone-spia cinese, per ordine diretto di Biden. Washington non avrebbe avvertito preventivamente Pechino, che stamani ha protestato ed espresso «forte insoddisfazione» per la «reazione eccessiva» degli Usa. La Cina afferma che «salvaguarderà risolutamente diritti e interessi legittimi delle società interessate, riservandosi ulteriori reazioni necessarie».

Austin: il pallone cercava di spiare i nostri siti strategici

«Il pallone, che era usato dalla Cina nel tentativo di spiare siti strategici nel territorio degli Stati Uniti, è stato abbattuto sulle acque territoriali americane». È quanto ha dichiarato il segretario alla Difesa, Lloyd Austin, riferendo che «questo pomeriggio, su ordine del presidente Biden, caccia dell'U.S. Northern Command hanno con successo abbattuto un pallone lanciato e appartenente alla Cina sulle acque a largo delle coste della South Carolina nello spazio aereo Usa».

Biden: mi hanno detto di aspettare il posto più sicuro per farlo

«Ho detto di abbatterlo mercoledì, mi hanno detto di aspettare il posto più sicuro per farlo». Così Joe Biden ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano dell'abbattimento del pallone spia cinese che per giorni ha sorvolato gli Stati Uniti e che oggi è stato abbattuto quando ha iniziato a sorvolare l'Atlantico. «Quando sono stato informato mercoledì ho ordinato al Pentagono di abbatterlo il più presto possibile», ha spiegato il presidente.

Usa: pallone spia usato per sorvegliare siti strategici

Il pallone-spia è stato usato dalla Cina nel tentativo di sorvegliare siti strategici negli Stati Uniti. Lo afferma il ministro della Difesa Lloyd Austin confermando che è stato abbattuto.

Gli Usa abbattono il pallone spia

Il pallone-spia cinese che ha sorvolato gli Stati Uniti è stato abbattuto sull'oceano Atlantico. Lo riportano i media americani, sottolineando che sono state avviate le operazioni per recuperarne i detriti

Le immagini del pallone cinese in diretta

DIRETTA

 

Usa, si valuta piano per abbattere il pallone

L'amministrazione Biden sta valutando un piano per abbattere il pallone-spia cinese sopra l'Ataltico e recuperarne i resti. Lo riporta l'agenzia Bloomberg citando l'Ap.

Gasparri: Cina una minaccia per il pianeta

«Sono tra coloro che sostengono da tempo che la Cina rappresenta una minaccia per il pianeta. Fa una concorrenza sleale ai nostri prodotti sfruttando i propri lavoratori. Inquina il pianeta con emissioni record. Noi ci preoccupiamo di limare questa o quella fonte di inquinamento e la Cina con le sue acciaierie e con tutte le sue attività produttive devasta il Pianeta. Il regime comunista cinese impone una bieca dittatura al suo popolo. Ne reprime e ne cancella ogni diritto. La Cina rappresenta la vergogna del Pianeta. Va detto con chiarezza. La sua forza, la sua dimensione, la rilevanza del suo potenziale mercato, non ci possono far ignorare la sua condotta illegale. L'episodio dei palloni spia andrà meglio analizzato e chiarito. Ma a prescindere da questa ulteriore ipotetica provocazione, è tempo che nei consessi internazionali si ponga la questione cinese. Nemica dei diritti, nemica dell'umanità e dell'ambiente, la dittatura comunista di Xi Jinping non può sedere sorridente a tutti i tavoli dei summit internazionali». Lo afferma il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri. «La Cina rappresenta una minaccia. Dobbiamo portare anche in quella terra i valori della democrazia e della libertà che i comunisti ignorano e calpestano ogni giorno», conclude.

Cina: con Russia fiducia politica reciproca sempre più profonda

La fiducia politica reciproca con la Russia ha continuato ad approfondirsi dopo che il vice ministro degli Esteri cinese Ma Zhaoxu ha visitato il Paese in settimana incontrando anche il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. La Cina, si legge in una nota della diplomazia di Pechino, «è disposta a lavorare con la Russia per attuare la loro partnership strategica e promuovere ulteriori progressi nelle loro relazioni». Valutazioni che ricorrono a un anno esatto dalla dichiarazione della «amicizia senza limiti» firmata dai presidenti cinese Xi Jinping e russo Vladimir Putin a Pechino nel loro incontro del 4 febbraio 2022

Esperto Usa: difficile abbatterlo

Il pallone spia cinese che il Pentagono ha visto sorvolare gli Stati Uniti potrebbe essere guidato da una tecnologia avanzata di intelligenza artificiale ed essere difficile da abbattere: lo afferma un esperto statunitense, William Kim, specialista in palloni di sorveglianza presso il think tank della Marathon Initiative a Washington. Secondo Kim il primo pallone avvistato (oggi ne è stato avvistato un altro sopra l'America Latina) sembrava un normale pallone meteorologico ma aveva caratteristiche particolari: «ha una possibilità di carico abbastanza grande e visibile, e l'elettronica per la guida e la raccolta di informazioni è alimentata da grandi pannelli solari. Sembra avere tecnologie di guida avanzate che l'esercito americano non ha ancora collaudato». L'intelligenza artificiale ha reso possibile a un pallone, semplicemente leggendo i cambiamenti nell'aria intorno ad esso, di regolare la sua altitudine per guidarne la direzione, senza escludere la possibilità di comunicazioni radio con una base a terra, ha spiegato l'esperto. La nuova tecnologia offre indubbi vantaggi rispetto ai satelliti: in primo luogo, non si mostra facilmente ai radar, e può mantenere posizioni relativamente stazionarie su un obiettivo rispetto ai satelliti in orbita costante utilizzati dalle agenzie di spionaggio per scattare fotografie. Lo scienziato non ha escluso che il pallone cinese possa essere stato progettato per raccogliere dati al di fuori dei confini degli Stati Uniti o molto più in alto ma che sia finito sui cieli americani (e in particolare su siti con missili balistici) per un malfunzionamento, essendo stato avvistato ad una altitudine minore a quella dovuta. In ogni caso potrebbe non essere facile abbatterlo: «Questi palloni usano l'elio, non puoi semplicemente sparargli». Kim ha ricordato che nel 1998 l'aeronautica canadese aveva inviato aerei da combattimento F-18 per cercare di abbattere un pallone meteorologico canaglia. «Gli hanno sparato contro un migliaio di colpi di cannone da 20 millimetri. E ci sono voluti ancora sei giorni prima che finalmente precipitasse»

Cina: nessuno aveva mai annunciato visita di Blinken

Gestire le relazioni bilaterali è compito della diplomazia, in particolare su situazioni «inaspettate», affidandosi a «calma e prudenza». Lo si legge in una nota del ministero degli Esteri cinese, rilasciata dopo che il segretario di Stato americano Antony Blinken ha rinviato un viaggio a Pechino per il fine settimana, a seguito del pallone aerostatico spia cinese rilevato nello spazio aereo Usa. «In effetti, nessuna delle due parti ha mai annunciato che ci sarebbe stata una visita. È una questione statunitense aver fatto il loro ultimo annuncio (sul rinvio della visita di Blinken, ndr) e noi lo rispettiamo», si legge ancora.

Sull'ingresso «non intenzionale di un dirigibile senza pilota cinese nello spazio aereo statunitense per causa di forza maggiore, la parte cinese lo ha verificato e comunicato alla parte americana: si tratta di un dirigibile civile utilizzato per scopi di ricerca, principalmente meteorologici», si legge nella nota del ministero degli Esteri di Pechino. A causa dei venti di ponente e delle limitate capacità di autogoverno, «il dirigibile ha deviato molto dalla sua rotta pianificata. Questa è una situazione del tutto inaspettata causata da forza maggiore e i fatti sono molto chiari». La Cina, inoltre, «agisce sempre in stretto accordo con il diritto internazionale e rispetta l'integrità sovrana di tutti i Paesi. Non abbiamo intenzione di violare e non abbiamo mai violato il territorio o lo spazio aereo di alcun Paese sovrano». Mentre alcuni politici e media negli Stati Uniti - è l'accusa - hanno pubblicizzato la vicenda «per attaccare e diffamare la Cina. La parte cinese è fermamente contraria a ciò. Mantenere i contatti e la comunicazione a tutti i livelli è un'importante intesa comune raggiunta dai presidenti cinese e Usa nel loro incontro a Bali», lo scorso novembre a margine del G20. E «uno dei compiti delle squadre diplomatiche di entrambe le parti è gestire adeguatamente le relazioni bilaterali».

L'accusa di Pechino: un mezzo per diffamarci

I media e i politici Usa «hanno approfittato» delle accuse lanciate contro un pallone aerostatico di spionaggio sul territorio degli Stati Uniti, «usando l'incidente come pretesto per attaccare e diffamare la Cina». È il duro commento di Pechino affidato ad una nota del ministero degli Esteri cinese, rilasciata dopo che il segretario di Stato americano Antony Blinken ha rinviato un viaggio programmato a Pechino nel weekend.

Nasa valuta rischi abbattimento

Il Northern Command degli Stati Uniti (Usnorthcom) si sta coordinando con la Nasa per determinare quanto ampio sarebbe il raggio di caduta dei detriti se il pallone-spia cinese dovesse essere abbattuto. Lo riferiscono fonti del Pentagono alla Cnn.

Secondo pallone spia cinese sull'America Latina

«Abbiamo ricevuto segnalazioni che un altro pallone-spia cinese è in transito sui cieli dell'America Latina» Lo ha detto il portavoce del Pentagono, il generale Pat Ryder, alla Cnn. Non è chiaro esattamente quale Paese latino-americano stia sorvolando il pallone-spia di Pechino. Ma, stando alle segnalazioni del Pentagono, non sarebbe diretto verso gli Stati Uniti.

Il primo pallone-spia, secondo Pechino, è un mezzo civile che ha fatto un errore di traiettoria durante dei rilievi metereologici. Ma ad alzare la tensione tra Stati Uniti e Cina (Washington ha posticipato la visita di Blinken) ci ha pensato un secondo pallone spia, stavolta sull'America Latina. 

Ultimo aggiornamento: 5 Febbraio, 16:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA