Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Yacht degli oligarchi russi spiati e segnalati all'Fbi: la rivoluzione (sul web) di un'imprenditrice svedese

Martedì 3 Maggio 2022 di Alessandro Rosi
Yacht degli oligarchi russi spiati e segnalati all'Fbi: la rivoluzione (sul web) di un'imprenditrice svedese

Gestiva una start-up da Città del Capo, in Sudafrica. Ma la guerra non l'ha lasciata indifferente. Così l'imprenditrice svedese Jessika Nilsson ha realizzato un sito web per monitorare i movimenti nel mondo degli yacht di lusso degli oligarchi russi. L'obiettivo? Aiutare le autorità a sequestrarli. «Questo è il mio progetto - dichiara a svt - isolare gli oligarchi e metterli contro Putin togliendo loro i giocattoli».

Abramovich, l'oligarca russo salva bimbo di 10 anni di Mariupol deportato a Mosca

Imprenditrice svedese che "caccia" gli yacht degli oligarchi russi, chi è

Normalmente si occupa di seguire una start-up da Città del Capo. Ma quando è scoppiata la guerra, la Nilsson ha iniziato a pensare a come poteva sostenere l'Ucraina. «Abbastanza rapidamente ho pensato che avrei potuto costruire un tracker per monitorare gli yacht degli oligarchi russi», racconta l'imprenditrice a Ekonomibyrån. Così ha proposto l'idea a un gruppo di amici e, in pochi giorni, hanno costruito un sito web con una mappa che mostra il movimento delle barche appartenenti agli oligarchi sanzionati in tutto il mondo.

Odessa, ragazzo 15 enne muore per salvare dalle bombe i vicini anziani. «Voleva avvertirli dell'allarme»

Come funziona il monitoraggio

Collegato al sito web c'è un account Twitter che si aggiorna automaticamente quando gli yacht cambiano rotta. Lo strumento si basa sulla cosiddetta tecnologia AIS, informazioni pubbliche che le navi più grandi sono tenute a inviare in modo che le autorità e le altre barche, per esempio, possano vedere dove sono. L'ambizione è quella di aiutare le autorità a sequestrare gli yacht.

Il sistema di identificazione automatica

Il sistema di identificazione automatica (AIS) è un sistema che permette di identificare e seguire le navi e i loro movimenti. Tutte le navi passeggeri e le imbarcazioni più grandi devono essere dotate di transponder AIS. Le navi possono essere identificate da un numero specifico che proviene dal Maritime Mobile Service Identity (MMSI) o dall'International Maritime Organisation.

La soffiata all'FBI

Qualche settimana fa Nilsson ha cercato di fare una soffiata all'FBI. «Si poteva vedere come molti stavano facendo rotta verso la Turchia. Si muovevano in acque europee. Quindi è stato un po' frustrante che non siano stati presi allora, perché sapevamo che sarebbero andati in Turchia dove probabilmente sarebbero stati al sicuro». Un altro "hotspot" sono le Maldive. «Molte persone vanno lì perché hanno una sorta di rifugio sicuro». Molto si trova anche a Panama, ma con il rischio di sconfinare. «Lì abbiamo potuto vedere come uno yacht è andato accidentalmente in acque americane, purtroppo solo molto brevemente. Così abbiamo cercato di fare una soffiata all'FBI, ma era troppo tardi».

Putin, il suo "Doomsday" in volo su Mosca: è l'aereo con cui lo zar può governare durante una guerra nucleare

 

Ultimo aggiornamento: 21:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA