Nuova Zelanda, il killer terrorista ammanettato sogghigna in aula

PER APPROFONDIRE: moschea, nuova zelanda
Nuova Zelanda, il killer terrorista ammanettato sogghigna in aula
Udienza in tribunale per Brenton Harrison Tarrant, l'australiano di 28 anni, accusato di omicidio per la strage della moschea di Christchurch. Tarrant, il cui indirizzo è stato rintracciato a Andersons Bay a Dunedin, ha fatto la sua comparsa in custodia presso il tribunale distrettuale di Christchurch. In abiti bianchi da detenuto, mani ammanettate e a piedi nudi, ha sogghignato quando i reporter lo hanno fotografato in aula, affiancato da due agenti di polizia. Lo scrive il New Zealand Herald. Tarrant è stato rinviato in custodia cautelare, senza ricorrere all'Alta Corte di Christchurch, al 5 aprile.

Pochi minuti dopo il suo ingresso in tribunale Brenton ha fatto 'ok' con la mano, un gesto utilizzato dai suprematisti bianchi e dai troll razzisti su internet. Lo rivela il New Zealand Herald pubblicando una foto. Intanto dopo le dichiarazioni della premier neozelandese Jacinda Ardern sull'intenzione di rivedere la legislazione sulle armi, il procuratore generale David Parker ha chiarito che «non è stata presa ancora nessuna decisione in merito al bando delle armi semi-automatiche».

Nuova Zelanda, chi è il killer delle moschee: Brenton Tarrant, 28 anni, suprematista bianco

Nuova Zelanda, identificate le prime due vittime. «Dovevo essere con mio padre: salvo per un ritardo»

 
 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 16 Marzo 2019, 07:57






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Nuova Zelanda, il killer terrorista ammanettato sogghigna in aula
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti