Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nord Stream 2, cosa è il gasdotto offshore più lungo del mondo che la Germania ha bloccato

Scholz ha chiesto di interrompere il processo di revisione da parte dell'autorità di regolamentazione tedesca per quanto riguarda il gasdotto

Martedì 22 Febbraio 2022 di Alessandro Strabioli
Nord Stream 2, cosa è il gasdotto offshore più lungo del mondo che la Germania ha bloccato

Come risposta alla decisione di Mosca di riconoscere le due regioni separatiste del Donbass in Ucraina, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha congelato l'autorizzazione del gasdotto Nord Stream 2, che dovrebbe portare il gas russo fino in Germania. Raccogliendo di fatto la richiesta avanzata poco prima dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Scholz ha chiesto di interrompere il processo di revisione da parte dell'autorità di regolamentazione tedesca per quanto riguarda il gasdotto.

E la Casa Bianca plaude alla decisione di Berlino: «Il presidente ha chiaramente indicato che se la Russia invade l'Ucraina, noi agiremo con la Germania per fare in modo che il Nord Stream 2 non sia messo in funzione. Noi siamo stati in stretto contatto con la Germania questa notte e ci felicitiamo per il suo annuncio. Prenderemo le nostre misure oggi», ha detto la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki. Ma cosa è esattamente il Nord Stream 2? E perché gioca un ruolo fondamentale nella crisi tra Russia e Ucraina? 

Nord Stream 2, caratteristiche e percorso 

Il progetto di un gasdotto di 1.234 km, il più lungo gasdotto offshore nel mondo, ha visto la luce nel 2011 e dalla fine del 2021 è pronto ad entrare in funzione, come ha assicurato Alexei Miller, il Ceo di Gazprom - colosso in prima linea nel progetto - al presidente russo Vladimir Putin durante un incontro avvenuto il 29 dicembre dello scorso anno. Il gruppo russo Gazprom ha una partecipazione di maggioranza nel progetto da 10 miliardi di euro. Nell'azionariato della società che lo gestisce ci sono anche le compagnie tedesche Uniper e Wintershall, la francese Engie, l'anglo-olandese Shell e l'austriaca Omv. Il Nord Stream 2 sarebbe in grado di garantire il passaggio di 55 miliardi di metri cubi di gas naturale all'anno dalla Russia alla Germania attraverso il Mar Baltico. 

 

Controversie 

Il Nord Stream 2 aggira l'Ucraina, togliendo al paese circa un miliardo di euro all'anno di introiti da tariffe di transito e, è il timore di Kiev, rimuovendo un ostacolo a una potenziale aggressione russa. L'Ucraina, in conflitto con la Russia dall'annessione della Crimea da parte di Mosca nel 2014, ritiene che il Nord Stream 2 sarà utilizzato dalla Russia per esercitare pressioni politiche. Negli anni scorsi, ci sono state diverse controversie tra Kiev e Mosca che hanno lasciato l'Ucraina senza gas. Gli Stati Uniti condividono queste preoccupazioni. Così come diverse nazioni europee, in particolare Polonia e i paesi dell'Europa orientale, temono di diventare troppo dipendenti da Mosca per la sicurezza energetica. Inoltre, molti analisti non sono d'accordo sui vantaggi economici e ambientali di Nord Stream. Un rapporto del 2018 del think tank tedesco Diw ha affermato che il progetto non era necessario e si basava su previsioni che «sopravvalutano significativamente la domanda di gas naturale in Germania e in Europa».

Nord Stream 2, la mappa

di Alessandro Strabioli

Ultimo aggiornamento: 19:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA