Modella russa uccisa in Turchia con la figlia: «I corpi erano legati e avvolti in alcune lenzuola». Scomparso anche il figlio di 5 anni

Irina Dvizova (che era in vacanza in un resort) aveva 42 anni, la figlia 15. Sospetti sull'ex marito

Mercoledì 29 Novembre 2023
Irina Dvizova, la modella russa uccisa in Turchia con la figlia 15enne: «I corpi erano legati e avvolti in lenzuola»

Un caso di doppio omicidio si è consumato in una località turistica della Turchia, dove la modella russa Irina Dvizova, 42 anni, è stata trovata morta insieme a sua figlia Dayana, 15 anni. Dalle prime informazioni sembra che le due donne siano state uccise brutalmente con più colpi di arma da fuoco. I loro corpi sono stati trovati avvolti tra le lenzuola e legati con una corda su una collina fuori Bodrum, città costiera nell'area sud-occidentale della Turchia. Anche il figlio minore della modella, il piccolo Makar, appena 5 anni, è scomparso nel nulla e le indagini sono al momento concentrate sul suo ritrovamento.

Papà picchia la moglie, le tre figlie mettono cartello "Help" alla finestra e lo fanno arrestare dalla polizia

Impronte maschili e la disputa con l'ex: cosa sappiamo 

Sono ancora pochi gli elementi a disposizione degli inquirenti, ma di grande importanza sono le tracce rinvenute all'interno della villa di villeggiatura. Sul divano sono state infatti riscontrate alcune impronte maschili e tracce ematiche. Lo scorso giguno, la modella aveva aperto una causa per togliere all'ex marito, il lituano Andrey Kuslevich, l'affido congiunto del bambino ora scomparso.

Una delle piste principali della polizia turca è proprio che il duplice omicidio possa essere collegato alla disputa con l'ex per l'affidamento del piccolo Makar. Non a caso le autorità turche si sono già rivolte all'Interpol per avere assistenza nel ritracciare l'uomo, ritenendo che il piccolo possa trovarsi con lui. 

Ultimo aggiornamento: 12:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA