Cannabis, sparita una tonnellata di marijuana confiscata in India. La polizia al tribunale: «L'hanno mangiata i topi»

La risposta delle forze dell'ordine al giudice che richiedeva il quantitivo come prova in un caso. La vicenda in India

Sabato 26 Novembre 2022
Cannabis, sparita una tonnellata di marijuana confiscata. La polizia al tribunale: «L'hanno mangiata i topi»

Centinaia di chilogrammi di marijuana sequestrata agli spacciatori e conservata nei magazzini della polizia spariti. Volatilizzati. Quasi una tonnellata di piantine svanite nel nulla. E quando il tribunale ha chiesto alle forze dell'ordine di fornire 386 chilogrammi di cannabis confiscata che avrebbero dovuti essere utilizzati come prova in un caso trattato, la polizia ha dovuto allargare le braccia: «Non ne abbiamo, l'hanno mangiata i topi».

Ostia, scambio di droga dai finestrini delle auto: scoperto ad Acilia il “drive in” dello spaccio

Marijuana sparita, mangiata dai topi

Accade nel nord dell'India, dove un tribunale della città di Mathura, Uttar Pradesh, di fronte al diniego delle forze dell'ordine di consegnare il quantitativo richiesto ha sottolineato, mettendola sul faceto: «I ratti sono piccoli animali, ma non hanno paura della polizia».

L'infestazione di ratti sarebbe avvenuta in varie stazioni di immagazzinamento di Mathura, e più di 700 chilogrammi di marijuana sono stati fatti fuori. E - presumibilmente - non è la prima volta che i topi colpiscono. Il giudice che ha esaminato il caso ha citato la polizia di Mathura che incolpa i roditori per aver distrutto un totale di altri 500 chilogrammi di cannabis che erano stati sequestrati in vari casi e immagazzinati presso la stazione di polizia di Shergarh e Highway della città.

Le linee guida anti-ratti

Il tribunale ha quindi stabilito delle linee guida per la polizia: la marijuana deve essere messa all'asta o smaltita. «C'è una minaccia per i topi in quasi tutte le stazioni di polizia. Pertanto, è necessario prendere le disposizioni necessarie per salvaguardare la cannabis che è stata confiscata», afferma il documento del tribunale.

Gli effetti sui roditori

Se i topi sono i veri "colpevoli" delle sparizioni - così come dice "l'accusa" - ora potrebbero prendere le cose "con calma". Secondo uno studio del 2016 dell'Università della British Columbia il principale ingrediente psicoattivo della marijuana renderebbe pigri i topi da laboratorio. I ricercatori hanno addestrato 29 ratti per eseguire un esperimento, in cui i roditori dovevano scegliere tra un compito semplice o più difficile per guadagnare premi. I topi in genere sceglievano il compito più difficile e più gratificante, ma dopo aver ricevuto marijuana, gli stessi sceglievano il compito più facile.

Ultimo aggiornamento: 27 Novembre, 11:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA