Mamma obbliga le figlie ad atti sessuali in webcam per far piacere al fidanzato, condannata

PER APPROFONDIRE: abusi sessuali, mamma, pedofilia
Mamma obbliga le figlie ad atti sessuali in webcam per far piacere al fidanzato, condannata

di Alessia Strinati

Costringe le due figlie ad avere dei rapporti sessuali davanti alla webcam per permettere al suo compagno di guardarle. Rose Beth Litzky, 33 anni, è stata condannata per pedofilia insieme al fidanzato Roberto Oquendo, di 38 anni, dopo che le autorità hanno scoperto gli abusi sulle figlie di lei.

Rapisce e uccide il figlio di 6 anni, poi si suicida: «Non accettava che fosse affidato al padre»



La polizia ha trovato centinaia di video e di foto in cui comparivano le bambine nude o costretta a fare atti sessuali. Oquendo è stato scoperto a seguito di una retata da parte dell'FBI sulla pedopornografia in rete: è stato scoperto il traffico di materiale a sfondo pedopornografico e dopo le indagini sono state trovate immagini e video nel suo telefono che hanno poi fatto capire anche il coinvolgimento della compagana nella rete.

Litzky avrebbe costretto le sue figlie a performance sessuali dal 2014 al 2016, ma nella rete erano coinvolti molti altri bambini. Pare che la mamma desse alle bambine le indicazioni su cosa dovessero fare per compiacere in chat il suo compagno e le piccole obbedivano non avendo alternativa. Secondo quanto riporta il Daily Mail, l'uomo sarà condannato il prossimo 14 ottobre, mentre la mamma delle giovani vittime è stata già condannata a scontare 50 anni di carcere. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 31 Agosto 2019, 12:40






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mamma obbliga le figlie ad atti sessuali in webcam per far piacere al fidanzato, condannata
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti