Attacco a Londra, l'Isis rivendica. La madre dell'attentatore: «Mio figlio radicalizzato, lavaggio del cervello con materiale online».

Lunedì 3 Febbraio 2020
Attacco a Londra, l'Isis rivendica: «L'attentatore è un nostro combattente»

L'Isis ha rivendicato l'attacco terroristico di ieri nel quartiere di Streatham, a Londra, dove un giovane armato con un coltello o un machete e con indosso un falso gilet esplosivo aveva seminato il terrore, aggredendo varie persone e ferendone almeno tre prima d'essere abbattuto dal fuoco di agenti in borghese. «L'autore dell'attacco (Sudesh Amman) è un combattente dello Stato islamico. Ha eseguito l'attacco in risposta agli appelli a prendere di mira i cittadini dei Paesi della coalizione» anti- Isis, ha annunciato Amaq, l'organo di propaganda dell'Isis.
«Guardava e ascoltava materiale online che gli ha fatto il lavaggio del cervello», ha spiegato la madre di Amman, Haleema Faraz Khan, durante un'intervista a Sky News. L'uomo si è radicalizzato nel carcere di Belmarsh, dove è rimasto fino a qualche giorno fa, in cui sono detenuti i condannati per terrorismo di matrice jihadista in Gran Bretagna. L'attentatore, 20 anni, era sotto sorveglianza della polizia al momento dell'attacco: era stato rilasciato dopo aver scontato metà della pena di reclusione di oltre tre anni cui era stato condannato per possesso
e distribuzione di materiale estremistico. Rinchiuso in carcere all'età di 18 anni, era stato rilasciato ma considerato abbastanza a rischio da giustificare una sorveglianza speciale della polizia.

Londra, torna il terrorismo fai-da-te: ferisce con il machete tre passanti, ucciso dalla polizia

Belgio, donna accoltella due persone in strada a Gand: spari della polizia
 

 

Ultimo aggiornamento: 14:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci