Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lockdown Natale in Europa: Germania e Olanda "chiuse", restrizioni nei principali Paesi

Martedì 15 Dicembre 2020 di Giuseppe Scarpa
Lockdown Natale in Europa: Germania e Olanda "chiuse", restrizioni nei principali Paesi

La pandemia morde ancora l’Europa. Ecco allora che diversi Paesi studiano o hanno già applicato nuove restrizioni per limitare contatti in vista delle festività di Natale. L'obiettivo è evitare la terza ondata di Coronavirus. Queste le politiche adottate in Germania, Francia, Spagna, Regno Unito, Svizzera, Olanda e Belgio.

Lockdown a Natale, quando si chiuderà? Ecco i possibili giorni da "bollino rosso"

Germania: Il lockdown dal 16 dicembre fino al 10 gennaio prevede la chiusura di scuole, asili e negozi al dettaglio che non vendono beni di prima necessità. Chiusi anche parrucchieri e centri estetici. Resteranno aperti: mercati all’aperto di frutta e verdura, supermercati, farmacie, vendita di alcolici, forniture mediche, ottici, benzinai, uffici postali, tintorie, edicole, articoli sanitari e per neonati, negozi per animali, rivenditori di alberi di Natale (la tradizione in Germania vuole che l’albero di Natale in casa venga fatto il 24 dicembre), officine per riparare auto e biciclette. La Germania dal 2 novembre aveva già chiuso del tutto ristoranti, bar, pub, teatri, musei, cinema, palestre, piscine. Restrizioni a cui si aggiunge il divieto di assembramenti, di consumo di alcol per strada e di fuochi d’artificio di Capodanno. Non sarà consentito festeggiare fra più di 5 persone (bambini e ragazzi sotto i 14 anni esclusi), e sarà proibita la vendita dei fuochi d’artificio. Sarà invece possibile la celebrazione delle messe religiose: a condizione che si rispettino le distanze di 1,5 metri in chiesa, e che non si canti.

Francia: A partire da oggi ci sarà una parziale riapertura del Paese. In Francia si potrà circolare senza autocertificazione, eccetto le ore di coprifuoco, dalle 20 alle 6 del mattino. Rimangono comunque chiusi per  tre settimane musei, teatri e cinema. Il coprifuoco serale, dalle 20 alle 6 del mattino, rimarrà valido anche il 31 dicembre a differenza della notte di Natale. Per questa ultima festività gli spostamenti saranno liberi e senza bisogno di autocertificazione.

Spagna: Muoversi tra una regione e un'altra della Spagna sarà limitati a partire dal 23 dicembre fino al 6 gennaio. Vengono considerati come validi per gli spostamenti i motivi di lavoro, assistenza a invalidi e anziani e ritorno al luogo di residenza, al fine di permettere agli studenti di trascorrere il Natale in famiglia. Le riunioni saranno limitate a un massimo di dieci persone, ma il cenone della vigilia potrà avere una durata limitata. Tuttavia il coprifuoco, per la notte di Natale, non scatterà alle 22 o alle 23 (a seconda della regione) ma all'1,30. Capienza ridotta nelle chiese per le messe natalizie, con la richiesta di evitare i canti e utilizzare la musica registrata.

Gran Bretagna: Non si possono invitare persone in casa e al pub o ristorante se ne può vedere solo una. Tuttavia per Natale dal 23 al 27 dicembre inclusi, tre nuclei familiari fissi potranno incontrarsi in abitazioni private, senza limiti né obbligo di distanziamento sociale.

Svizzera:  Da sabato 12 dicembre  bar, ristoranti, negozi, nonché strutture sportive e ricreative devono abbassare la saracinesca alle 19. Tutte le misure valgono fino al 22 gennaio 2021. Per le notti di Natale e di Capodanno, il “coprifuoco” scatta all’una del mattino. Per le riunioni private il numero massimo di persone è fissato in10 unità (bambini compresi); celebrazioni religiose ammesse con un massimo di 50 persone. La situazione va infatti aggravandosi nel Paese, dove dieci cantoni non hanno più posti letto disponibili per le terapie intensive. Nelle ultime ore, quindi, la task force svizzera per il Covid ha fatto formalmente richiesta di un lockdown, giudicando non appropriate le misure messe in campo finora.

Olanda: Da mercoledì 16 dicembre  fino al 19 gennaio verranno chiuse le scuole e le attività non essenziali. Bar e ristoranti sono chiusi da metà ottobre e così resteranno. Rimarranno aperte le banche, i fisioterapisti, i dentisti. In relazione ai risultati ottenuti con queste nuove limitazioni il 12 gennaio l'esecutivo comunicherà le nuove politiche da adottare a partire dal 19 gennaio.

Belgio: Il coprifuoco sarà allentato per la vigilia di Natale, da mezzanotte fino alle 5 del mattino. A cena si potrà invitare solo una persona a casa, due se si vive da soli. Dal primo dicembre sono stati riaperti i negozi non essenziali, ma le compere si possono fare da soli.

Video

Ultimo aggiornamento: 19:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA