Halyna Hutchins, rabbia a Hollywood. Petizione social delle star: «Basta pistole vere sui set»

Sabato 23 Ottobre 2021
Halyna Hutchins, rabbia a Hollywood. Petizione social delle star: «Basta pistole vere sui set»

Le pistole hanno dominato i film americani per decenni e John Wayne, Sly Stallone, Keanu Reeves, Linda Hamilton e molte altre star d'azione hanno sparato milioni di munizioni contraffatte. Ma questa tendenza si è conclusa più volte in una tragedia nella vita reale nella storia di Hollywood – e lo ha fatto di nuovo giovedì quando la fotografa Halyna Hutchins è morta dopo che l'attore Alec Baldwin ha sparato con un'arma da fuoco durante le riprese. L'incidente, che ha ferito gravemente anche il regista Joel Souzan, ha portato molti nell'industria cinematografica a chiedere ripetutamente la messa al bando delle armi vere nei film. Molte star sono intervenute su Twitter poche ore dopo l'ennesima tragedia.

«La gente dice che dovremmo imparare da questo, ma abbiamo imparato questa lezione molto tempo fa. Altre persone sono state uccise sulla scena in passato», afferma Stephen Lighthill, presidente dell'American Cinematographers Society ed ex mentore di Hutchins.

Alec Baldwin, l'urlo dell'assistente (che lo scagiona): «La pistola è scarica». Giallo sull'addetto alle armi: era al primo incarico

Mentre alcune delle armi utilizzate nella serie di film sono repliche di gomma, molte sono armi vere che vengono smontate o riempite di spazi vuoti. Alcuni registi o attori preferiscono l'autenticità di un'arma reale e il modo in cui colpisce o spara una cartuccia. «Avevamo bisogno che i riflessi sul viso dell'attore fossero reali, le sue reazioni fisiche reali», hanno scritto il regista Christopher Gist e Sarah Mayberry sulle riprese dei loro thriller con una vera pistola. Ma gli spazi vuoti possono ancora essere pericolosi , e specialmente a distanza ravvicinata. Il rumore può essere soffocante e un tampone contenente polvere da sparo, che può essere di carta, plastica, feltro o cotone, può essere lanciato con una forza tale da essere mortale a distanza ravvicinata. «Il vuoto non è mai vuoto. Diventa calore e luce», afferma Lighthill. Nel 1984, l'attore Jon-Erik Hexum si è ucciso accidentalmente con una pistola 44 Magnum piena di cartucce a salve. Nel 1993, l'attore Brandon Lee, figlio di Bruce Lee, morì durante le riprese di Crow con una pistola che avrebbe dovuto avere solo cartucce a salve ma aveva un proiettile in canna. Venerdì, la sorella di Lee, Shannon, ha scritto un messaggio alla famiglia di Hutchins su Twitter: «Nessuno dovrebbe mai essere ucciso con una pistola».

 

Video

 

Quando la troupe di un film lavora con le armi giuste, esistono protocolli consolidati per prevenire gli incidenti. Chi fornisce le armi deve assicurarsi che siano adeguatamente conservate fino al loro utilizzo, devono istruire gli attori e la troupe su come maneggiarle e usarle. Vengono posizionate lastre di plexiglas per proteggere le persone vicino alle armi da fuoco. «I protocolli di sicurezza quando abbiamo armi di supporto sono giustamente eccessivi» ha scritto l'attore Minnie Driver su Twitter. «C'è una responsabilità su chi dà un'arma da fuoco a un attore e sui controlli vengono effettuati. Una cosa del genere non sarebbe mai dovuta accadere» afferma Bob Primes, fotografo e due volte vincitore dell'Emmy. 

 

 

Da Hollywood ieri a gran voce si è chiesto di vietare l'uo di queste armi. «Dovremmo vietare l'uso degli spazi vuoti nelle pistole per evitare ulteriori tragedie", ha scritto Paul Feig. Il regista Bandar Albuliwi ha lanciato una petizione su Change.org per vietare le armi da fuoco vere e ha già raccolto 4.000 firme. 

Ultimo aggiornamento: 12:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA