GUERRA

Guerra in Ucraina, la diretta. Ankara: Erdogan domani sentirà Putin e Zelensky. Kiev avanza a Svatove-Kreminna, russi arretrano

Gli aggiornamenti in tempo reale sul conflitto in corso

Martedì 3 Gennaio 2023

Makiivka, 89 vittime: localizzate tramite i cellulari

Il bilancio dei morti in seguito al bombardamento compiuto dalle forze ucraine contro i militari russi a Makiivka nel Donbass è salito a 89: lo rende noto il ministero della Difesa di Mosca, attraverso il tenente generale Sergey Sevryukov, per il quale l'alto numero di vittime è stato causato principalmente «dall'uso dei cellulari» da parte dei militari russi, nonostante i divieti, che ne ha permesso la localizzazione. L'ufficiale, citato dalla Tass, ha spiegato che l'attacco contro il sito dove si trovavano le unità russe è stato compiuto con lanciarazzi multipli Himars.

Erdogan domani sentirà Putin e Zelensky

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan sta programmando colloqui telefonici con il russo Vladimir Putin e l'ucraino Volodymyr Zelensky domani. Lo riferisce il portavoce presidenziale della Turchia Ibrahim Kalin alla Ntv, citato dalla Tass.

Lavrov al ministro degli esteri israeliano: rafforzare la cooperazione

Il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov e quello israeliano Eli Cohen hanno avuto oggi una conversazione telefonica durante la quale Lavrov ha detto che Mosca è pronta ad «un lavoro congiunto per rafforzare la cooperazione bilaterale». Lo riferiscono le agenzie russe. Il colloquio ha riguardato anche la situazione in Ucraina.

Kiev: Mosca prepara offensiva, da est e da nord

La Russia intende continuare la guerra contro l'Ucraina con operazioni offensive, potrebbe attaccare da est o dal nord. La valutazione, riportata da Ukrainska Pravda, è di Andrii Cherniak, dell'intelligence militare ucraina, secondo il quale nei prossimi 4-5 mesi i russi potrebbero perdere altri 70mila uomini. «Secondo le stime dell'intelligence militare ucraina, i russi continueranno quest'anno a condurre operazioni offensive. Non sono riusciti ad raggiungere i loro obiettivi su nessun fronte. Capiscono che stanno perdendo, ma non prevedono di far finire la guerra. Consideriamo la possibilità che possano attaccare dal nord o dall'est», afferma Cherniak. Inoltre, i russi tenteranno di mantenere il controllo del corridoio terrestre fino alla Crimea e di conquistare tutto l'oblast di Donetsk. Cherniak si dice sicuro che gli ucraini sapranno respingere le offensive dei russi. I quali, sottolinea, non riusciranno a tornare sulla riva occidentale del fiume Dnipro per ricatturare Kherson. Infine, secondo l'intelligence militare ucraina, i russi potrebbero perdere altri 70mila uomini nei prossimi 4-5 mesi, ma la loro leadership appare pronta a subire perdite così alte. Secondo le stime ucraine, dall'invasione del 24 febbraio sono già morti 108.190 soldati russi.

Kiev smentisce riconquista isola sul fiume Dnepr

Le forze armate ucraine hanno smentito la notizia della riconquista di un'isola sul fiume Dnepr, nella provincia di Kherson, che in precedenza era stata diffusa dalla Ukrainska Pravda citando fonti militari. Una bandiera ucraina è stata effettivamente piantata sull'isola di Bolshoy Potemkinsky, «ma è ancora presto per parlare di liberazione», ha detto la portavoce del coordinamento congiunto per le forze di difesa del sud dell'Ucraina, Natalya Gumenyuk, citata dalla stessa Ukrainska Pravda. La portavoce ha sottolineato tuttavia che «piantare la bandiera è un segnale al nemico che stiamo lavorando che quella terra è nostra, che è tutta Ucraina».

Zelensky sente il premier olandese Rutte: «Rischio di escalation al fronte»

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha avuto una telefonata con il premier olandese Mark Rutte. I due, ha precisato il leader ucraino su Twitter, hanno parlato «del rischio di escalation al fronte e delle potenziali sfide, nonché dell'esigenza di una risposta adeguata sulla nostra difesa». Zelensky si è poi augurato che «i partner facciano dei passi concreti per rafforzare l'Ucraina alla prossima» riunione del cosiddetto formato «Ramstein». Rutte da parte sua ha ricordato che «l'Ucraina ha tenuto testa alla barbara invasione russa ormai da quasi un anno», avvertendo però che «i mesi a venire sono cruciali». Il premier olandese ha poi assicurato a Zelensky «che i Paesi Bassi faranno tutto il possibile per aiutare l'Ucraina non solo a difendersi, ma anche a vincere la guerra».

Kiev: colpita con artiglieria città in Donetsk, un civile morto

Questa mattina le truppe russe hanno sparato con l'artiglieria su una zona residenziale della città di Kurakhovo, nella regione di Donetsk, uccidendo un civile e ferendone altri due. I colpi hanno centrato un condominio e danneggiato un impianto di approvvigionamento idrico. Lo riferisce il capo dell'amministrazione regionale Pavel Kirilenko, citato dall'Ukrainska Pravda. Kirilenko ha osservato che l'intera regione di Donetsk è pericolosa per i civili e ne ha chiesto l'evacuazione.

Kiev: in due giorni distrutti il 100% dei droni russi

«La difesa antiaerea ucraina ha distrutto 84 droni di fabbricazione iraniana nei primi due giorni del nuovo anno. Cioè, il 100% dei droni lanciati dalle truppe russe», ha dichiarato in tv il portavoce dell'aeronautica militare Yuriy Ignat. E ha aggiunto che da settembre le forze ucraine hanno distrutto quasi 500 droni nemici. «In due giorni sono stati abbattuti 84 droni: il 100% di quelli lanciati. Questi risultati non sono mai stati raggiunti prima», ha detto.

Kiev: truppe ucraine avanzano verso Svatove-Kreminna

Secondo il governatore in esilio del Lugansk Sergy Gaidai, le forze di difesa ucraine stanno gradualmente avanzando in direzione di Svatove-Kreminna. Allo stesso tempo, i russi stanno contrattaccando ma vengono respinti vicino a Stelmakhivka e Makiivka. Lo riporta Unian. «Controlliamo l'autostrada R-66, le unità ucraine riescono ad entrare e distruggere l'equipaggiamento nemico», ha affermato Gaidai.

Attacco ucraino contro le forze russe a Zaporizhzhia

Secondo la pubblicazione locale ucraina Ria Melitopol, ieri le Forze Armate di Kiev hanno colpito unità russe a Pology, nella regione di Zaporizhzhia: «le esplosioni sono durate più di due ore, il numero di cadaveri dei soldati russi era tale che non sono stati portati via».

Reporter Bild ferito da una scheggia

Un giornalista della Bild è stato ferito alla testa da una scheggia dopo un'esplosione in Ucraina. Lo ha reso noto lo stesso tabloid tedesco. Il reporter, Bj”rn Stritzel, ha comunicato in seguito che la ferita non è grave e di essere in buone condizioni.

Media, 538 coscritti russi morti in ultimi 3 mesi

Almeno 538 coscritti russi mobilitati sono morti negli ultimi tre mesi, secondo la Bbc News Russian e il sito di notizie indipendente russo Mediazona che indica le vittime nome per nome. L'età media dei morti è di 30-35 anni. «Le perdite effettive tra coloro che sono stati mobilitati potrebbero essere molto più elevate, poiché molte segnalazioni di soldati uccisi in Ucraina da ottobre non indicano il loro status. Quindi a volte è impossibile dire se una persona ha prestato servizio come soldato professionista, combattente volontario o coscritto, riferisce la Bbc aggiungendo che solo nell'ultima settimana sono stati uccisi 46 russi mobilitati. Alla fine ottobre la Russia ha affermato di aver mobilitato 300.000 coscritti con un'età media di 35 anni. Circa 80.000 sono stati inviati in Ucraina di cui quasi la metà in prima linea, secondo il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu. Un'analisi di Mediazona stima che circa 492.000 uomini siano stati arruolati nell'esercito russo da quando il presidente Vladimir Putin ha annunciato la »mobilitazione parziale« di 300.000 uomini il 21 settembre.

Campagne cyber legate a guerra, in Italia 13mila attacchi

Le tensioni geopolitiche connesse alla guerra in Ucraina hanno «significativi riverberi» in materia di sicurezza cibernetica, con «campagne massive» a livello internazionale contro infrastrutture critiche, sistemi finanziari e aziende, dal phishing ai malware alla disinformazione. Nel 2022 il Cnaipic, la struttura specializzata in cybersicurezza della Polizia postale e delle comunicazioni, ha rilevato 12.947 attacchi (+138%, erano stati 5.435 nel 2021) e sono 332 le persone indagate (+78% rispetto all'anno scorso). Sono stati anche diramati 113.226 alert (in leggero aumento, del 2%, rispetto all'anno scorso).

Russia ammette strage di soldati a Makiivka

Blogger filo guerra in Russia ammettono la batosta di Makiivka dove un attacco ucraino ha provocato decine di morti fra i soldati di Mosca. «Quello che è accaduto a Makiivka è orribile», ha scritto Arkhangel «Spetznaz Z», un blogger militare con oltre 700mila follower su Telegram. «Chi ha avuto l'idea di sistemare un grande numero di militari in un edificio solo, perfino un folle capisce che anche solo con un attacco di artiglieria ci sarebbero stati molti morti o feriti. Ma ai comandanti non può interessare di meno. Ogni errore ha un nome», ha aggiunto. «Basare le forze militari in edificio invece che in rifugi aiuta direttamente il nemico. È necessario trarre le conclusioni più dure», ha spiegato Andrey Medvedev, un gionalista ultra conservatore deputato della Duma di Mosca. Vladlen Tatarsky, blogger militare ricevuto da Putin al Cremlino a settembre, ha chiesto un tribunale per i vertici militari, «idioti non addestrati».

Guerra in Ucraina, la diretta. La notte di Capodanno le forze armate ucraine hanno inferto un durissimo colpo al nemico: un attacco missilistico contro una base russa a Makiivka, nel Donbass, che ha provocato una strage. Per Kiev sarebbero 400 i soldati uccisi, mentre Mosca ha parlato di 63 vittime. Ma comunque si è trattato di una delle maggiori perdite in una singola operazione da quando è iniziata la guerra. Sul fronte opposto, Kiev e diverse altre zone del Paese sono state colpite per il terzo giorno consecutivo da missili e da droni di fabbricazione iraniana.

Ultimo aggiornamento: 4 Gennaio, 06:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA