Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Navi russe cariche di grano rubato all'Ucraina vengono respinte dai porti del Mediterraneo e fanno rotta sulla Siria

La Cnn ha ricostruito la rotta del Matros Pozynich, respinta sia ad Alessandria che a Beirut

Venerdì 13 Maggio 2022
Navi russe cariche di grano rubato all'Ucraina vengono respinte dai porti del Mediterraneo e fanno rotta sulla Siria

La nave russa Matros Pozynich, che trasportava grano rubato all'Ucraina, è stata costretta ad attraccare nel porto siriano di Latakia, dopo essere stata respinta da almeno un porto del Mediterraneo. La Cnn ha ricostruito il percorso della nave cargo, salpata il 27 aprile dalla Crimea. Dopo aver preso il largo ha spento il trasponder per non farsi individuare e il giorno successivo è stata avvistata al porto di Sebastopoli. 

La Matros Pozynich è una delle tre navi coinvolte nel commercio di grano rubato, secondo una ricerca open source e funzionari ucraini. La Crimea, annessa alla Russia nel 2014, produce poco grano a causa della mancanza di irrigazione. Ma le regioni ucraine a nord, occupate dalle forze russe dall'inizio di marzo, producono milioni di tonnellate di grano ogni anno. Funzionari ucraini hanno affermato che i russi stanno rubando e trasportando il grano in Crimea. Tra marzo e aprile sarebbero state sottratte e spedite almeno 100.000 tonnellate. 

«La Russia ha già vinto», dalle miniere ai giacimenti di petrolio: tutte le conquiste (economiche) di Putin in Ucraina

Guerra in Ucraina, bloccate 25 milioni tonnellate grano e mais

La nave respinta nel Mediterraneo

Da Sebastopoli, secondo le immagini satellitari e i dati di tracciamento esaminati dalla Cnn, il Matros Pozynich ha transitato sul Bosforo e si è diretto verso il porto egiziano di Alessandria. Era carico di quasi 30.000 tonnellate di grano, secondo i funzionari di Kiev. Ma gli ucraini hanno avvisato l'Egitto, spiegando che il grano era stato rubato, così la nave è stata respinta. Lo stesso è successo nel porto libanese di Beirut, così la nave russa si è diretta a Latakia. 

I dati di spedizione mostrano che la Matros Pozynich è una delle tre portarinfuse registrate presso una società chiamata Crane Marine Contractor, con sede ad Astrakhan, in Russia. La società non è soggetta a sanzioni internazionali. Il progetto SeaKrime ha identificato i veri proprietari delle tre navi come una delle 29 società sotto il controllo di una grande società russa, le cui altre entità sono state sanzionate dagli Stati Uniti subito dopo l'invasione russa. Il ministero della Difesa ucraino stima che almeno 400.000 tonnellate di grano siano state rubate e portate fuori dall'Ucraina dall'inizio dell'invasione. 

 

Ultimo aggiornamento: 15:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA