Ospedale Gaza, cosa ha trovato Israele: dal centro di comando di Hamas al covo per gli ostaggi

L’esercito dello Stato ebraico mostra le immagini dei sotterranei del nosocomio pediatrico Rantisi di Gaza: "Qui i terroristi nascondevano anche i rapiti"

Martedì 14 Novembre 2023 di Silvia Sfregola
Ospedale Al-Shifa, cosa ha trovato Israele: dal centro di comando di Hamas al covo per gli ostaggi

«Sotto l'ospedale pediatrico di Gaza abbiamo trovato un centro di controllo e comando di Hamas». Le forze di Difesa israeliane (Idf) entrano nel nosocomio pediatrico Rantisi, a Gaza, dopo l'evacuazione e, in un video, mostrano le prove di quello che sostengono ormai da giorni: nei sotterranei del presidio ospedaliero c'è una base dei miliziani palestinesi e, proprio là sotto, sarebbero stati nascosti gli ostaggi rapiti il 7 ottobre scorso. «Nei sotterranei abbiamo trovato un comando dei terroristi, giubbotti esplosivi, granate, fucili d'assalto Ak-47, esplosivi, Rpg e altri armi», ha spiegato il portavoce delle forze armate Daniel Hagari nel filmato diffuso dalle Idf. «Abbiamo anche trovato segni indicanti che Hamas ha tenuto ostaggi qui, segnali sui quali si sta indagando», ha aggiunto Hagari. Al 39esimo giorno di guerra a Gaza la situazione è, intanto, sempre più insostenibile attorno all’ospedale di Al-Shifa, che si trova nel centro della città ed è il principale ospedale della Striscia.

Da una parte i medici che denunciano di una «situazione catastrofica» con cure sospese a decine di pazienti e vittime anche tra i sanitari e neonati prematuri fuori dalle incubatrici, dall’altra Israele che ribadisce che Hamas ha all’interno dell’ospedale il suo quartier generale e usa civili come scudi umani. 

La base di Hamas nei sotterranei 

«Abbiamo trovato prove che i terroristi di Hamas sono tornati in questo ospedale dopo il massacro del 7 ottobre, dopo aver massacrato gli israeliani nelle loro case. Hamas si nasconde negli ospedali. Oggi le mostriamo al mondo», ha affermato Hagari mostrando una moto, con fori di proiettili, probabilmente usata nell'assalto del 7 ottobre. In una stanza, una sedia con delle corde e abiti femminili a terra. Nel sotterraneo, anche docce e un bagno. Lì vicino pannolini e un biberon. In un'altra stanza, divani e poltrone. Nessuna finestra ma tende ai muri: «Una stanza usata per registrare video», ha spiegato Hagari, mostrando anche un foglio che conterrebbe i turni di guardia dei terrroristi. Mentre i combattimenti a Gaza si intensificano e la trattativa per un cessate il fuoco appare sempre più lontana, Israele viene pesantemente criticata per l'assedio al complesso ospedaliero di Al-Shifa. Secondo Tel Aviv Hamas lo starebbe usando come nascondiglio e centro operativo ma le Nazioni Unite hanno ricordato a Israele che questo non li esime dall'obbligo di risparmiare i civili. Gli attacchi contro gli ospedali rappresentano un punto critico del conflitto fino a far rischiare a Tel Aviv di perdere il sostegno internazionale. Dagli Stati Uniti il presidente Joe Biden è tornato a invocare protezione per l'ospedale al-Shifa: «È mio auspicio che vi siano azioni meno intrusive nell'ospedale. L'ospedale deve essere protetto», ha detto ieri il presidente ai giornalisti riuniti nella Sala Ovale.

La guerra intorno all'ospedale di Al-Shifa e le immagini diffuse dall'Idf

Israele sostiene da tempo che Hamas utilizza case, ospedali e scuole come scudi per i combattenti, in parte perché «il massacro dei civili crea proseliti nel movimento di liberazione palestinese e, poi perché suscita attenzione a livello internazionale» evidenzia la rivista americana Newsweek. «Tuttavia - evidenzia - Tel Aviv avrebbe fornito poche prove a sostegno di una base sotto l'ospedale e sia Hamas che il direttore dell'ospedale Shifa Mohammed Abu Selmia continuano a smentire l'esistenza di un centro di comando sotterraneo».

«Se vediamo i terroristi di Hamas sparare dagli ospedali, faremo quello che dobbiamo fare», ha dichiarato all'Associated Press il portavoce dell'esercito israeliano, il tenente colonnello Richard Hecht. L'elettricità è stata interrotta all'ospedale, secondo il portavoce del ministero della Sanità di Gaza, Ashraf Al-Qidra, che ha spiegato a Reuters che molti pazienti, compresi i neonati, sono morti. Il New York Times ha riferito che migliaia di persone sono fuggite da Al-Shifa durante il fine settimana, e l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato ieri che la situazione è ormai «terribile e pericolosa» per chi è all'interno del nosocomio.

Ultimo aggiornamento: 15 Novembre, 08:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA