Gabby Petito morta tra i canyon, sparito il fidanzato: tutti i misteri del caso che ha sconvolto gli Stati Uniti

Martedì 21 Settembre 2021 di Flavio Pompetti
Gabby Petito morta tra i canyon, sparito il fidanzato: tutti i misteri del caso che appassiona gli Stati Uniti

NEW YORK - «Fermi tutti, questa ora è la scena di un crimine». La polizia di North Port in Florida ha sigillato l'abitazione della famiglia Laundrie e l'ha protetta dall'invasione dei giornalisti assetati di notizie. Secondo il parere degli investigatori, l'interno della casa potrebbe nascondere prove conclusive sulla morte della blogger Gabby (Gabrielle) Petito, la fidanzata del figlio dei Laundrie: Brian. Un corpo senza vita che si presume sia di Gabbie è stato ritrovato domenica dopo tre settimane di ricerche frenetiche, a migliaia di chilometri di distanza. Siamo alla stretta finale di un giallo che ha catturato l'attenzione dei media statunitensi dai primi giorni di settembre, quando Brian ha fatto ritorno a casa dai suoi dopo una lunga vacanza in caravan, ma con lui non c'era più Gabbie. I due innamorati e conviventi nella casa in Florida erano partiti il 2 di luglio dalla casa dei genitori di Gabby per il viaggio della loro giovane vita: quattro mesi di esplorazione verso il West, le Montagne Rocciose e i grandi parchi nazionali.

Gabby Petito è morta, il corpo della "figlia d'America" nella foresta: è caccia al fidanzato Brian

LE RICERCHE
La polizia ha iniziato a interessarsi di loro il 12 di agosto a Moab, la popolare destinazione turistica a ridosso del Parco nazionale degli Archi di arenaria. Qualcuno aveva segnalato al telefono di emergenza una lite domestica tra una coppia di giovani, che stava diventando violenta. Intercettato il caravan sulla strada, gli agenti trovarono Gabby in preda ad una crisi di pianto irrefrenabile. La giovane ammise di essere stata lei ad aggredire fisicamente il fidanzato. Confessò di soffrire di disturbi ossessivi compulsivi, e che le crisi stavano diventando sempre più frequenti durante il viaggio.

Gabby aveva il terrore di essere lasciata sola, abbandonata da Brian per via delle frequenti liti. I poliziotti insistettero perché i due si separassero almeno per una notte, per smaltire la tensione. Lui in albergo, lei in controllo del caravan, in modo da non aggravare il sospetto di poter essere abbandonata. Il rapporto stilato dalla pattuglia non parla di violenza domestica ma di una crisi mentale da parte della ragazza. Le comunicazioni tra i due e le famiglie si sono interrotte il 24 di agosto, quando Gabby ha scritto alla mamma che insieme a Brian stava per partire per il parco di Yellowstone. Il suo cellulare ha continuato per la verità a mandare messaggi nei giorni successivi fino al 30 del mese, ma la polizia ora dubita che fossero scritti dalla ragazza.

Il primo di settembre Brian è tornato a casa, da solo e senza il caravan che si è poi materializzato qualche giorno dopo. L'11 di settembre la famiglia Petito ha denunciato la scomparsa della figlia. Il 17 la polizia l'ha certificata. Ad aggrovigliare ancora di più la storia, lo stesso giorno una donna di nome Miranda Baker ha postato su Twitter filmati nei quali dice di aver offerto un passaggio a Brian il 29 di agosto presso il Teton Park, dove il giovane faceva autostop a bordo della strada. Brian potrebbe chiarire questi dettagli, ma a sua volta è scomparso.

 

PERQUISITA LA CASA
Una settimana fa si è allontanato da casa con uno zaino sulle spalle, e ha detto ai suoi genitori che voleva andare a camminare in un vicino parco. Tre giorni dopo, in assenza di comunicazioni, i genitori hanno denunciato a loro volta la sua scomparsa, e una ricerca di grande scala è al momento in corso nella contea di Sarasota. E' in questa atmosfera di caccia ai due giovani scomparsi che domenica sera è arrivata la notizia del ritrovamento in Wyoming di un corpo che sembra essere quello di Gabby. La perizia era in corso ieri, ma intanto in Florida la polizia ha alzato il tiro dell'inchiesta, ora definita di natura penale. I genitori di Brian, finora reticenti nei rapporti con gli agenti, sono stati fatti uscire prima della perquisizione, e poi interrogati a lungo all'interno della loro abitazione.
 

Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 11:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA