«George Floyd, l'uccisione una messa in scena contro Trump»: post choc della repubblicana Cynthia Brehm

Venerdì 5 Giugno 2020
«La morte di George Floyd una messa in scena»: post choc della repubblicana Cynthia Brehm

Bufera negli Stati Uniti per il post choc della repubblicana Cynthia Brehm: su facebook ha scritto che l'uccisione di George Floyd è stata una messa in scena solo per far apparire cattivo Donald Trump. Il post scandalo è stato poi cancellato. A Brehm, presidente dei repubblicani della Bexar County, in Texas, il governatore dello stato Greg Abbott chiede di dimettersi e lo stesso fanno altri repubblicani del Texas. Brehm avrebbe però dichiarato che non intende dimettersi. «Le sue parole sono disgustose, non c'è posto per lei nel partito repubblicano o sulla scena pubblica».

LEGGI ANCHE George Floyd, migliaia a Minneapolis per il memorial: «Ucciso da pandemia di razzismo». Sindaco in lacrime davanti alla bara

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci