Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

I droni turchi Bayraktar TB2 che distruggono i sistemi di artiglieria russi. «Ora tutto il mondo li vuole»

«Il Bayraktar TB2 sta facendo quello che doveva fare: eliminare alcuni dei più avanzati sistemi antiaerei e di artiglieria e veicoli corazzati», ha dichiarato alla Reuters il progettista Selcuk Bayraktar

Lunedì 30 Maggio 2022 di Simone Pierini
I droni turchi Bayraktar TB2 che distruggono i sistemi di artiglieria russi. «Ora tutto il mondo li vuole

La distruzione da parte dell'Ucraina dei sistemi di artiglieria e dei veicoli corazzati russi con i droni aerei turchi Bayraktar TB2 ha reso «il mondo intero» un cliente. Lo dice il progettista Selcuk Bayraktar che gestisce l'azienda di Istanbul Baykar con suo fratello Haluk. Bayraktar ha affermato come i droni abbiano dimostrato il modo in cui la tecnologia stia rivoluzionando la guerra moderna. «Il Bayraktar TB2 sta facendo quello che doveva fare: eliminare alcuni dei più avanzati sistemi antiaerei e di artiglieria e veicoli corazzati», ha dichiarato alla Reuters mostrandosi accanto al nuovo drone Akinci in una mostra a Baku. «Il mondo intero ora è un cliente».

Il drone Bayraktar TB2, come funziona

Il Bayraktar TB2, che ha un'apertura alare di 12 metri e può volare fino a 25.000 piedi prima di piombare per distruggere carri armati e artiglieria con bombe perforanti a guida laser, ha contribuito per un discreto periodo a minare la schiacciante superiorità militare della Russia. Tale è la fama del drone che è diventato oggetto di una canzone di successo patriottica disseminata di imprecazioni in Ucraina che ha deriso le truppe russe, con il ritornello «Bayraktar, Bayraktar». 

Il drone Bayraktar ha ricevuto l'attenzione del presidente russo Vladimir Putin e il ministero della Difesa lo ha menzionato almeno 45 volte in pubblico dall'inizio della guerra il 24 febbraio. Baykar, fondata negli anni '80 dal padre di Bayraktar, Ozdemir Bayraktar, ha iniziato a concentrarsi su velivoli senza pilota nel 2005 mentre la Turchia cercava di rafforzare la sua industria della difesa locale. Il TB2 è stato un tale fattore nei conflitti in Siria, Iraq, Libia e Nagorno-Karabakh così come in Ucraina che ora guida la spinta globale all'esportazione della difesa della Turchia. Il presidente Tayyip Erdogan afferma che la domanda internazionale è diventata enorme sia per il TB2 che per il nuovo Akinci. Bayraktar, che è sposata con la figlia di Erdogan, ha affermato che può produrre 200 droni all'anno.

La Russia due settimane fa ha pubblicizzato una nuova generazione di armi laser, incluso un sistema mobile che secondo Mosca potrebbe accecare i satelliti in orbita e distruggere i droni. Ma Bayraktar, che è nato a Istanbul e ha studiato all'Università della Pennsylvania e al Massachusetts Institute of Technology, ha affermato che tali armi erano inefficaci contro il TB2. «Le loro gittate sono limitate, quindi se la portata sensoriale e delle munizioni è più lunga, non saranno efficaci», ha detto. 

Al lavoro per il TB3

Baykar sta lavorando su un TB3, che ha ali pieghevoli e può decollare o atterrare su portaerei a corto raggio, e su un aereo da combattimento senza pilota chiamato MUIS o Kizilelma. «Il primo volo di Kizilelma sarà l'anno prossimo mentre per TB3 entro la fine di quest'anno o l'inizio del prossimo», ha detto Bayraktar. «Se guardi all'orizzonte temporale più lungo, stiamo lavorando sui droni taxi - per questo abbiamo bisogno di sviluppare una tecnologia di autonomia di livello superiore - che è fondamentalmente l'IA - ma rivoluzionerà il modo in cui le persone verranno trasportate nelle città».

Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 16:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA