Decapita la moglie e va dalla polizia con la testa in un sacchetto: «Mi aveva tradito»

Venerdì 31 Maggio 2019 di Federica Macagnone
Decapita la moglie e si presenta con la testa in un sacchetto dalla polizia: «Mi aveva tradito»

Quel tarlo della gelosia che continuava a tormentarlo aveva finito per corrodere definitivamente quel minimo di sanità mentale che gli era rimasto. Era convinto che sua moglie lo avesse tradito con un vicino di casa e nulla riusciva a scalfire quella che per lui era diventata una certezza granitica. Abhijit Das, 30 anni, era stato già segnalato alla polizia di Patharpratima nel Bengala Occidentale, in India, come un uomo che aveva problemi mentali. Un dato che non poteva non essere preso in considerazione quando lui si è presentato alla stazione di polizia per confessare di aver ucciso e decapitato la moglie Amba, “colpevole” di aver intrecciato una relazione con un altro uomo. Malauguratamente era tutto vero e c’erano pure le prove: l’uomo si era portato dietro la testa mozzata della vittima.

LEGGI ANCHE Turista 15enne stuprata nella sauna di un hotel di lusso: era in vacanza con i genitori
 
Una confessione resa davanti agli agenti così a cuore leggero da non riuscire, in un primo momento, a convincere nessuno. Das, infatti, con estrema calma aveva detto di voler parlare con l’ispettore per costituirsi in quanto aveva ucciso la moglie. L’agente, sulle prime, non gli ha creduto fino a quando lui non ha estratto da un sacchetto la testa mozzata della moglie. A quel punto ai poliziotti non è rimasto che fermarlo e ascoltare il racconto di Das, che aveva legato mani e piedi la vittima prima di accanirsi sul suo corpo.
 
Nei prossimi giorni si svolgerà un’autopsia sul cadavere che è stato ritrovato in un lago di sangue nell’appartamento della famiglia. Secondo quanto riportato da “Times of India”, la coppia, che ha una figlia di 3 anni, non aveva particolari problemi coniugali. In passato c’erano state alcune tensioni tra Das e i suoceri che avevano chiesto dei soldi, ma pare che dietro la follia omicida ci fosse il sospetto che la donna avesse una relazione clandestina.
  
«L'abbiamo interrogato e ha confessato di aver ucciso sua moglie. Ora è accusato di omicidio - ha detto il portavoce della polizia Tathagata Basu - Sospettava che Amba avesse una relazione extraconiugale con un vicino. Domenica sera tra i due c’era stata una violenta lite». Poi il buio e quella furia assassina.
 

Ultimo aggiornamento: 18:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci