Darya Dugina, l'intelligence Usa: «Kiev dietro l'omicidio della figlia dell'ideologo di Putin, Washington non sapeva»

Lo rivelano fonti informate al New York Times precisando che gli Usa «non hanno preso parte all'attacco, né fornendo informazioni né altre forme di assistenza»

Mercoledì 5 Ottobre 2022
Darya Dugina: «Kiev dietro l'omicidio della figlia dell'ideologo di Putin»

L'intelligence americana ritiene che dietro l'omicidio di Darya Dugina, figlia del filosofo ultranazionalista russo Alexander Dugin uccisa ad agosto in un attentato, ci sia il governo di Kiev. Lo rivelano fonti informate al New York Times precisando che gli Usa «non hanno preso parte all'attacco, né fornendo informazioni né altre forme di assistenza». I funzionari riferiscono anche che i servizi Usa non erano a conoscenza dell'operazione e si sarebbero opposti se fossero stati consultati.

La valutazione approfondita della complicità ucraina, che non è stata segnalata in precedenza, è stata condivisa dal governo degli Stati Uniti la scorsa settimana. L'Ucraina ha negato il coinvolgimento nell'omicidio subito dopo l'attacco e alti funzionari hanno ripetuto quelle smentite quando gli è stato chiesto della valutazione dell'intelligence americana.

 

Il rischio della risposta di Mosca

Sebbene la Russia non abbia reagito in modo specifico per l'assassinio, gli Stati Uniti temono che tali attacchi, sebbene di alto valore simbolico, abbiano un impatto diretto limitato sul campo di battaglia e potrebbero indurre Mosca a compiere i propri attacchi contro alti funzionari ucraini. I funzionari americani non hanno gradito la mancanza di trasparenza dell'Ucraina sui suoi piani militari e segreti, specialmente sul suolo russo. Dall'inizio della guerra, i servizi di sicurezza ucraini hanno dimostrato la loro capacità di raggiungere la Russia per condurre operazioni di sabotaggio. L'omicidio della Dugina, tuttavia, sarebbe una delle operazioni più audaci fino ad oggi, che dimostra come l'Ucraina possa avvicinarsi molto a personalità importanti russe.

Aleksandr Dugin il vero obiettivo?

Alcuni funzionari americani sospettano che l'obiettivo reale dell'operazione fosse il padre della Dugina, Aleksandr Dugin, un ultranazionalista russo, e che gli agenti che l'hanno eseguita fossero convinti che sarebbe stato nel veicolo con sua figlia. Aleksandr Dugin, una delle voci più importanti per Putin, che esorta Mosca ad intensificare la sua guerra contro l'Ucraina, è stato uno dei principali sostenitori di una Russia aggressiva e imperialista.

Zelensky era informato?

I funzionari americani che hanno parlato dell'intelligence non hanno rivelato quali elementi del governo ucraino avrebbero autorizzato la missione, chi ha effettuato l'attacco o se il presidente Volodymyr Zelensky avesse firmato la missione. I funzionari degli Stati Uniti hanno informato sull'azione ucraina e la risposta americana ha parlato a condizione di anonimato, al fine di discutere di informazioni segrete e questioni di diplomazia sensibile. Interpellato dal New York Times il consigliere di Zelensky, Mykhailo Podolyak, ha ribadito che il governo di Kiev non è coinvolto nella morte della figlia dell'ultranazionalista. «In tempo di guerra ogni omicidio deve avere un senso, soddisfare uno scopo specifico, tattico o strategico. Dugina non è un obiettivo nè tattico nè strategico per l'Ucraina», ha detto.

Ultimo aggiornamento: 6 Ottobre, 07:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA