Covid Brasile, superati i 600.000 morti in un anno e mezzo di pandemia

L'ultimo rapporto ufficiale del ministero riferisce di 600.425 morti e 21.550.730 contagi dall'inizio della pandemia

Venerdì 8 Ottobre 2021
Covid Brasile, superati i 600.000 morti in un anno e mezzo di pandemia

​Covid Brasile, nel Paese sudamericano sono stati superati i 600.000 morti ​in un anno e mezzo di pandemia. Lo ha annunciato il Ministero della Salute, mentre il trend dei decessi registra un calo progressivo con l'avanzare della campagna di vaccinazione. Nelle ultime settimane i contagi sono stati un sesto di quelli registrati negli Stati Uniti e circa la metà della Russia, mentre i morti sono rispettivamente un terzo e la metà rispetto a questi due paesi, dove è in corso una nuova ondata. Ma per valutare ancora meglio come in Brasile la situazione sia in miglioramento, bisogna valutare i dati in rapporto alla popolazione: i nuovi casi, ogni milione di abitanti, in Brasile sono stati 492 nell'ultima settimana, contro i 4.440 della Romania, 3.513 della Gran Bretagna, 2.069 degli Usa, 2.011 di Israele, 1.400 dell'Austria, 811 della Svizzera e 773 della Germania. Sul fronte dei decessi in rapporto alla popolazione troviamo la Romania (quella che vive l'emergenza maggiore in questo momento) a 78 morti (su un milione), Russia 43, Serbia 40, Usa 33, Grecia 21 e il Brasile è a 13.

 

Gran Bretagna, il "peggior raffreddore di sempre" dilaga: giorni di starnuti, non è il Covid

Vaccino anti-malaria approvato dall'Oms. «Salverà migliaia di bimbi»

 

L'ultimo rapporto

L'ultimo rapporto ufficiale del ministero riferisce di 600.425 morti e 21.550.730 contagi dall'inizio della pandemica. Il Paese resta il secondo al mondo per numero di vittime, dopo gli Stati Uniti.

 

 

Ultimo aggiornamento: 9 Ottobre, 00:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA