Coronavirus, in Australia 6,6 milioni di persone in lockdown per la prima volta. In Europa 200mila morti

Martedì 7 Luglio 2020
Coronavirus, in Australia 6,6 milioni di persone in lockdown per la prima volta. Il Sud Africa supera i 200mila contagi

Coronavirus nel mondo, il contagio continua a camminare. Da oggi 6,6 milioni di persone saranno isolate in Australia a causa di un aumento dei casi a Melbourne. Lo riporta la Cnn. Lo stato di Victoria, dove si trova la città colpita, e il New South Wales, saranno messi in lockdown per la prima volta dall’inizio della pandemia di Covid-19, secondo quanto annunciato dalle autorità che hanno anche deciso di inviare militari e polizia al confine. Si tratta degli stati più popolosi della nazione. Il lockdown per Melbourne durerà sei settimane, in base a quanto annunciato da Daniel Andrews, premier dello Stato di Victoria: «C’è un numero di nuovi contagi insostenibilmente alto. Dobbiamo essere realistici sulle circostanze nelle quali ci troviamo». I cittadini potranno uscire dalle loro abitazioni solo per lavoro, per acquistare beni di prima necessità e per attività di caregiving. L’esercito vigilerà per non far uscire nessuno dalla città. Lo stato australiano di Victoria, secondo quanto riferisce il Guardian, ha riportato 191 nuovi casi di virus, superando il record di ieri. Motivando il nuovo lockdown, il premier dello Stato Daniel Andrews ha invitato a «essere realistici riguardo alle circostanze che affrontiamo. Fingere che sia finita non è la risposta. Semplicemente non c’è alternativa».

Coronavirus, lo studio: «Una mutazione lo rende più contagioso»

In Europa 200mila morti. Sono 200.000 le persone morte in Europa a causa del coronavirus, secondo un calcolo dell'agenzia France Presse basato su dati ufficiali. Due terzi delle vittime sono state registrate in Gran Bretagna, Italia, Francia e Spagna. Con 200.005 morti per 2.751.606 casi, l'Europa torna ad essere il continente più colpito dalla pandemia di Covid-19, che ha ucciso 538.418 persone in tutto il mondo. Regno Unito (44.236) e Italia (34.869) sono i paesi europei che hanno avuto più morti, seguiti da Francia (29.920) e Spagna (28.388).

Europa. Un totale complessivo di 483.462 casi confermati di contagi (+3795 rispetto al giorno precedente) sono stati registrati dall'inizio dell'epidemia nei Paesi dell'Europa centrale e orientale, in Germania, Austria e Grecia, secondo dati ufficiali raccolti dall'Oms, aggiornati al 6 luglio. La crescita percentuale su base settimanale dei contagi totali, sulla base di elaborazioni aggiornate al 29 giugno, è stata particolarmente sostenuta nell'ultima settimana in Montenegro, Kosovo, Bosnia-Erzegovina, Albania, Bulgaria, Macedonia del Nord, Croazia e Ucraina. Bielorussia e Moldova registrano più casi confermati di Covid-19 per milione di abitanti che l'Italia. I decessi registrati nell'area sono stati finora 18.070 (+110), di cui 9016 in Germana, 1750 in Romania, 1517 in Polonia, 1262 in Ucraina 706 in Austria, 589 in Ungheria, 588 in Moldova, 423 in Bielorussia 348 in Cechia, 341 in Macedonia del Nord, 311 in Serbia. Tra il 29 giugno e il 6 luglio, il maggior aumento percentuale dei decessi totali collegati al virus è stato osservato in Kosovo (+150,0%), Albania (+79,5%), Montenegro (+55,6%) e Macedonia del Nord (+43,3%).  

Pechino esulta, dopo un mese la capitale cinese è tornata a zero contagi

Sud Africa. Il ministro della Salute sudafricano Mkhize ha reso noto oggi che il numero di casi del nuovo coronavirus in Sudafrica ha raggiunto quota 205 721, segnando un aumento di 8.971 nuovi casi dall'ultimo bollettino diffuso domenica. Lo riporta il South Africa News. Il ministro ha anche dichiarato che 97.848 sudafricani sono guariti. Purtroppo, sono stati segnalati altri 111 decessi: 9 a Eastern Cape, 50 a Gauteng, 17 a Limpopo e 35 a Western Cape. Ciò porta i morti totali a 3 310.

Spiagge affollate e assembramenti, più multe e controlli. L'Oms: il peggio deve ancora arrivare

Perù. Alle prese con il picco della pandemia, il Perù ha dichiarato ora anche uno specifico stato di emergenza per 101 distretti di 28 province e otto regioni a causa del «pericolo imminente» che comporta per essi una incipiente ondata di basse temperature. Lo riferisce oggi il quotidiano El Comercio di Lima. Il Perù è il secondo paese più colpito dal Covid-19 in America latina dopo il Brasile. Nell'ultimo rapporto del ministero della Sanità peruviano è stato fornito un bilancio di 305.703 casi di contagio e 10.772 morti. E poiché la prevista ondata di freddo potrebbe contribuire ad aggravare ulteriormente questa allarmante situazione, il presidente Martin Vizcarra ha firmato un decreto supremo che autorizza per 60 giorni misure di sostegno urgenti per gran parte del sud del Perù incluso nelle regioni di Apurmac, Arequipa, Ayacucho, Cusco, Huancavelica, Moquegua, Puno e Tacna.

Diretta coronavirus, picco di casi a Leicester, torna il lockdown in Gb. Record di vittime in Argentina

India. Più di 700.000 contagi e oltre 20.000 morti. Continuano a preoccupare i dati che arrivano dall'India nel mezzo della pandemia. Il bollettino del ministero della Sanità, rilanciato da Ndtv, parla di 719.665 casi con 20.160 decessi dopo che in 24 ore sono morte altre 467 persone e si sono registrati 22.252 nuovi casi. I dati ufficiali del gigante asiatico, con una popolazione di 1,3 miliardi di persone, parlano anche di 439.948 pazienti guariti. Da ieri l'India è il terzo Paese al mondo per numero di contagi, dopo Stati Uniti e Brasile.

Il virologo Lopalco: «Il virus non si è indebolito, nessuno lo vorrebbe nei polmoni anche se poco positivo»

Iran. Nuovo triste record dall'inizio dell'emergenza con 200 morti registrati nelle ultime 24 ore. Mai nella Repubblica islamica si erano contati tanti decessi legati al Covid-19 in un solo giorno. Le vittime sono complessivamente 11.931. Nel corso di punto stampa, la portavoce del ministero della Sanità iraniano, Sima Lari, ha aggiunto che rispetto a ieri sono stati diagnosticati 2.637 nuovi contagi, per un totale di 245.688. Oltre 207mila sono i guariti, mentre i pazienti in condizioni critiche sono 3.270.

Israele. Oltre 1.000 nuovi casi nelle ultime 24 ore, confermando così la ripresa dell'epidemia, che ha costretto il governo ad inasprire le misure restrittive. Secondo i dati del ministero della Salute, da lunedì sono stati registrati altri 1.024 casi, portando il totale a 31.186 e lasciando il numero di casi 'attivì al livello record di 12.717, 85 dei quali sono in gravi condizioni, di cui 35 con respirazione assistita. Inoltre, sono stati registrati altri quattro decessi portando il totale delle vittime del Covid-19 a 338 decessi. Nel frattempo, il capo dei servizi sanitari pubblici, Siegal Sadetzki, ha annunciato oggi le sue dimissioni in una lettera pubblicata su Facebook spiegando che «nonostante innumerevoli discussioni e avvertimenti espliciti», il governo ha aspettato fino a lunedì per imporre nuove restrizioni, 40 giorni dopo la fine del lockdown. 

Covid, l'Oms: «Può tornare in autunno come la Spagnola che fece 50 milioni di morti»

Pakistan. Il numero di vittime da Covid-19 in Pakistan è salito 4.839 con 77 morti nelle ultime 24 ore, mentre con 2691 nuove infezioni il conteggio dei casi confermati di coronavirus è pari a 234.509. Sono i dati diffusi dal ministero della Salute. Il numero di persone guarite è di 134.957, di cui 3.308 nelle ultime 24 ore. Almeno 2.306 pazienti sono in condizioni critiche. Secondo una dichiarazione ufficiale, il primo ministro Imran Khan lunedì ha parlato al telefono con il direttore generale dell'Oms, Tedros Ghebreyesus, che ha riconosciuto «la tendenza positiva nella riduzione della malattia in Pakistan». Imran Khan ha chiesto all'Oms di sviluppare linee guida di viaggio che siano adottate da tutti i paesi per garantire che quelli a basso reddito non siano discriminati.
 

 

Russia. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 6.368 nuovi casi di Covid-19 e 198 decessi provocati dal nuovo virus. Il totale dei contagi accertati dall'inizio dell'epidemia sale così a 694.230, mentre le vittime sono ora ufficialmente 10.494. I guariti sono 9.551 nel corso dell'ultima giornata e 463.880 in tutto.

Ucraina. Sono 564 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore, che fanno salire a 49.607 il totale dei contagi dall'inizio dell'epidemia. Nel corso dell'ultima giornata si registrano 21 decessi, mentre le vittime del nuovo virus nella repubblica ex sovietica sono ufficialmente 1.283. I guariti sono 490 nel corso dell'ultima giornata e 22.193 in totale. Lo ha fatto sapere il ministro della Salute di Kiev, Maksim Stepanov, ripreso dal Kyiv Post, leggendo stamane i dati aggiornati dell'epidemia in Ucraina. La regione con il maggior numero di nuovi contagi giornalieri, 144, è quella di Leopoli, nell'ovest del Paese. I nuovi contagi nella capitale, Kiev, sono 63.

Ultimo aggiornamento: 21:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento