Casa Bianca invasa dai topi, uno cade in testa ai giornalisti in sala stampa

Martedì 1 Ottobre 2019 di Anna Guaita

NEW YORK – I topi stanno conquistando il mondo. Non sono solo nelle strade di Roma, sono anche nella metro di New York, e adesso perfino fra le mura della Casa Bianca. Nella mattina, quando i giornalisti avevano preso posto nella sala stampa e stavano lavorando, dal soffitto è caduto un topolino.

Roma, istrice gigante a spasso su Lungotevere: la Capitale sempre più bestiale
Roma, ritorno a scuola tra spazzatura e topi
 
A lanciare l’allarme per primo è stato il corrispondente della Nbc Peter Alexander (@PeterAlexander), che negli ultimi giorni è stato occupatissimo a seguire le cronache dell’Ucrainagate. Forse sollevato di poter cambiare argomento, Alexander ha twittato: «Altre notizie: un topo è letteralmente caduto dal soffitto della Casa Bianca nel nostro ufficio, ed è atterrato sul mio grembo».
 

Altri colleghi sono balzati in piedi a riprendere le scene della “caccia al topo”, e qualcuno è riuscito anche a riprenderlo in fuga fra i cavi dei vari terminali.
 
Dopo ore di subbuglio, nessuno ha saputo dire se l’animale era stato acchiappato o era riuscito a fuggire.
 
Il “topo della Casa Bianca” sembra destinato a diventare famoso, come il “topo della pizza”, che tre anni fa fu filmato nella metro di New York, mentre trascinava una fetta di pizza più grossa di lui giù per le scale verso la sua tana fra i binari.
 
L’autunno è la stagione peggiore quanto a intraprendenza dei topi. Gli specialisti spiegano che in questa stagione gli animali si avventurano fuori, entrano nelle case (evidentemente anche nella Casa Bianca), nei negozi, nei luoghi dove possono trovare cibo da accumulare per i freddi dell’inverno. La città più infestata negli Usa quest’anno risulta essere Chicago,seguita a ruota da New York. Washington si piazza al quinto posto.
 
La comparsa del topolino nella sala stampa è stata salutata da un’altra giornalista della Nbc, Shannon Pettypeace, come «il momento più eccitante degli ultimi mesi», un cenno indiretto al fatto che da mesi l’Amministrazione non tiene i tradizionali briefing della stampa.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci