Brexit, l’Alta Corte britannica: la sospensione del Parlamento è legale

Friday 6 September 2019
Brexit, Johnson respira. La sospensione del Parlamento è legale

L'Alta Corte britannica di Londra ha dato ragione a Boris Johnson. La sospensione del Parlamento di 5 settimane, a partire dalla prossima, è stata giudicata legale. Dopo che un primo ricorso di gruppi militanti anti Brexit era già stato respinto dal tribunale di Edinburgo, ora anche le contestazioni presentate dagli avvocati dell'attivista Gina Miller, con il sostegno di politici pro Remain come l'ex premier John Major, sono state giudicate non fondate.

LEGGI ANCHE Brexit, ok della Camera dei Comuni a legge anti no-deal: Johnson battuto. Bocciata la sua mozione per voto 15 ottobre

Ma non è ancora detta l'ultima parola e il caso passerà alla Corte Suprema per un ulteriore passaggio, in quanto i ricorrenti hanno giò annunciato di voler appellare la decisione nell'udienza programmata per il prossimo 17 settembre. «Il mio gruppo ed io non abbandoneremo mai la battaglia per la democrazia», ha dichiarato ai media Gina Miller, «Abbandonare ora significherebbe mancare al nostro dovere», ha proseguito, confermando di volersi battere «per il mondo e le future generazioni». Un'altra azione legale è in corso in Irlanda del Nord per impedire la sospensione del Parlamento.

LEGGI ANCHE Brexit, Boris Johnson perde maggioranza in Parlamento. Un conservatore lascia il partito

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci