Afghanistan, scrive "Tuscania" sul cartello per farsi riconoscere: così Ghazal è stata salvata dai militari italiani

Domenica 29 Agosto 2021 di Ebe Pierini
Afghanistan, scrive "Tuscania" sul cartello per farsi riconoscere: così Ghazal è stata salvata dai militari italiani

Sul capo un velo nero. Sul volto la paura, lo sconforto, il timore di non farcela a partire. Tra le mani un pezzo di cartone sul quale, con un pennarello blu, c'era scritto Tuscania. In quella parola la sua unica speranza di vita. Tra lei e la salvezza un muro di filo spinato. La foto di questa donna afghana che cerca di farsi rintracciare nella calca dell'aeroporto di Kabul dai carabinieri paracadutisti è diventata un po' il simbolo di questi giorni concitati, con le lunghe attese e i voli della salvezza verso l'Italia organizzati dal Ministero della Difesa nell'ambito dell'operazione Aquila Omnia.

Afghanistan, quell’alleanza “informale” tra Usa e Talebani per colpire il nuovo Daesh

Afghanistan, intelligence: «Massima allerta» per attacchi in Usa. «Rischio infiltrazioni Isis tra i profughi afghani»


Afghanistan, scrive "Tuscania" sul cartello per farsi riconoscere


Lei si chiama Ghazal, ha 28 anni, è una giornalista e viveva ad Herat, la città dove aveva sede il contingente italiano in Afghanistan. Lì, assieme ad altre 5 colleghe, aveva fondato una associazione di croniste. Attraverso gli schermi di una televisione nazionale afghana e i microfoni di una radio raccontava il suo Paese, difendeva i diritti delle donne, combatteva per le loro libertà. Più volte ha collaborato anche con i militari italiani. Poi, circa un anno fa, le prime lettere di minacce. Dopo il 15 agosto la situazione è precipitata. La giovane donna ha dovuto lasciare la sua casa e nascondersi in luoghi diversi. È stato allora che ha deciso di chiedere aiuto ai militari italiani che aveva conosciuto negli anni passati. In Italia si è messa in moto la macchina della solidarietà e i soldati che la conoscevano hanno fatto di tutto per riuscire a salvarla. Ma per salire su un C130 italiano doveva arrivare a Kabul. È partita da Herat lunedì assieme al marito e al suo bambino di 2 anni. Per giorni ha vagato nell'aeroporto di Kabul cercando di farsi riconoscere dai carabinieri italiani. Nel frattempo però si sono moltiplicati i warning e la situazione allo scalo afghano è diventata sempre più difficile e pericolosa. Alla fine dall'Italia le hanno inviato un messaggio vocale su whatsapp suggerendole di gridare Tuscania ma, quando lo ha fatto, tutti gli afghani che erano attorno a lei hanno cominciato ad urlare quella parola vanificando il suo tentativo di essere individuata. Alla fine i militari con i quali aveva collaborato le hanno suggerito di scrivere quel cartello. Ed è stato così che i carabinieri paracadutisti del Tuscania, che in questi giorni hanno compiuto un lavoro encomiabile, uno sforzo sovraumano, una missione ai limiti dell'impossibile, giovedì l'hanno notata e messa in salvo assieme alla sua famiglia.

Video


L'ULTIMO VOLO


Ghazal è giunta ieri in Italia con l'ultimo volo preveniente da Kabul. È una dei 4.832 cittadini afghani che hanno trovato rifugio nel nostro Paese. È stata sottoposta a tampone e ora sarà ospitata presso una struttura dove osserverà la quarantena. «Grazie ai soldati italiani che non ci hanno mai lasciate sole anche da lontano - ha dichiarato Ghazal al suo arrivo in Italia Non vediamo l'ora di vedere l'alba della bella Italia. Sono felice di essere la voce delle giornaliste e delle donne del mio Paese e di avere l'opportunità di far conoscere la sofferenza e i problemi che abbiamo vissuto. Spero di riuscire ad aiutare le mie colleghe che sono ancora là per continuare a fare insieme il nostro lavoro». Intanto i militari italiani con i quali collaborava, ed in particolare due soldatesse, si sono organizzati per acquistare a lei ed alla sua famiglia degli abiti. Sono fuggiti senza poter portare con loro nulla. Sono giunti in Italia solo con i vestiti che avevano indosso. Nelle tasche la speranza di un futuro migliore.

Ultimo aggiornamento: 30 Agosto, 20:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA