Rifiuta di adottare la figlia della moglie. Lei: «Non so che fare del nostro matrimonio»

La mamma della bambina ha deciso di raccontare l'esperienza su social per avere un parere degli utenti: "Devo divorziare?"

Giovedì 1 Dicembre 2022
Rifiuta di adottare la figlia della moglie. Lei: «Non so che fare del nostro matrimonio»

Un uomo si è rifiutato di adottare la figlia della moglie. La mamma della bambina ha deciso di raccontare l'esperienza su social per avere un parere degli utenti. Perché, come ha scritto, non sa che fare del suo matrimonio.

Jake Flint, star della musica country, muore poche ore dopo il matrimonio. La moglie: «Ora dovrò scegliere l'abito per seppellirlo»

La richiesta

"Ha avuto la figlia quando aveva 16 anni. Ora non sa dov'è. "Non ha voluto avere niente a che fare con mia figlia". Poi, quando la piccola aveva 6 anni, conosce l'attuale marito. "Mi ha promesso che l'avrebbe amata e che l'avrebbe trattata come se fosse sua, e sembra che sia così". Hanno anche altri figli insieme. La settimana scorsa era il sedicesimo compleanno della bambina, che chiede alla mamma se il marito di lei la può adottare. "Ho pensato che fosse una grande idea e che comunque lui è sempre stato suo padre. Lui ha detto di sì e ci sono state molte lacrime di felicità e i miei figli più piccoli erano felici. È stato uno dei momenti più felici della mia vita".

La retromarcia

"Quella sera mi disse che dovevamo parlare. Mi disse che la amava, ma non allo stesso modo e che si sentiva un po' strano ad adottarla". Le dice che voleva parlarne con lei e dirle che poteva sicuramente prendere il cognome se voleva, ma che lui non poteva adottarla e che si sentiva in colpa per questo, ma non sarebbe stato giusto per nessuno. "Ha detto che sa che siamo un pacchetto completo e che l'avrebbe sempre trattata bene e come una parte della famiglia, ma che non poteva essere suo padre. Mi disse che gli dispiaceva e che si sentiva in colpa e che se ne sarebbe occupato lui e che io non avrei dovuto farlo".

Il dolore

"Il mio cuore non ha mai sofferto più di tanto in quel momento e sento davvero di aver deluso mia figlia. Gli ho detto che non volevo che ne parlasse con lei e che se chiaramente non la considerava sua figlia, allora il mio compito di genitore era quello di prendermi cura di lei". Ora non sa cosa fare e pensa al divorzio. "Mi sono sentita male, stordita e intontita per tutta la settimana. Come faccio a dirlo a mia figlia? Non so cosa fare".

Il pensiero del divorzio

"E per favore non ditemi che i genitori adottivi non devono amare i loro figliastri allo stesso modo, perché mia figlia non ha un padre e considera mio marito come suo padre. Ha aiutato a crescerla, l'ha disciplinata e ha condiviso con lei i suoi momenti migliori e peggiori. Non mi sono mai sentita così male per qualcosa in vita mia. Vi prego di aiutarmi. Credo di voler divorziare".

La terapia

Tanti sono stati d'aiuto alla donna. "Stiamo andando in terapia matrimoniale. Sto cercando un terapeuta per mia figlia. Ho lasciato che mio marito parlasse con lei perché sentivo di doverglielo concedere e confidavo che non sarebbe stato stupido. Hanno fatto un giro in macchina. Non so cosa sia stato detto esattamente, ma sono entrambe sconvolte. Userò nomi falsi per rendere tutto più facile". Ora la giovane ha smesso di chiamare "mio marito papà e ora lo chiama Mike". Lui sembra sconvolto. "Non so cosa dirgli. Non è quello che voleva? La mia bambina è stata molto silenziosa e stanca e le ho detto di stare a casa da scuola per qualche giorno, ma non ha voluto".

© RIPRODUZIONE RISERVATA