Expo Dubai, Firenze protagonista con un evento dedicato al bello e al ben fatto

Lunedì 11 Ottobre 2021
SHOWCASE - Expo Dubai, Firenze protagonista con un evento dedicato al bello e al ben fatto

Firenze protagonista al Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai, uno straordinatio patrimonio culturale all'insegna del bello e del ben fatto. Un lungo racconto per far conoscere tutte le potenzialità della città metropolitana fiorentina: dalla sua arte alla sua manifattura di qualità, dalla sua offerta culturale al suo essere territorio di imprese innovative, di turismo, di cultura, di ricerca universitaria. Con l'evento «Firenze, capitale del bello e del ben fatto» la città, attraverso la voce dei rappresentanti istituzionali ed economici in missione negli Emirati arabi, si è presentata come città d'arte e produttiva d'eccellenza con un patrimonio artistico che attrae milioni di visitatori da tutto il mondo, e con un polo manifatturiero e un'ampia rete di piccole e medie imprese che producono beni di fascia alta, simbolo della bellezza e della creatività italiana.

«La delegazione fiorentina presente a Expo2020 Dubai è una squadra - ha detto il sindaco di Firenze, Dario Nardella - e ringrazio il commissario generale dell'Italia per Expo2020 Dubai Paolo Glisenti per aver dato a Firenze la possibilità di usare per un'intera giornata lo splendido Padiglione Italia per mostrare ciò che di più bello la nostra città riesce a offrire al mondo intero». «Oggi vorrei che il mondo intero guardasse Firenze negli occhi - ha continuato -, così come guarda negli occhi il David, perché così facendo si può scorgere tutta la nostra fragilità, ma anche tutta la nostra forza. La fragilità di chi sente le vertigini dell'affrontare una grande competizione globale fatta di sfide che fanno tremare i polsi, come la lotta al cambiamento climatico, i grandi flussi migratori, la competizione economica e imprenditoriale, che mette le nostre imprese alla finestra, in prima linea, spesso con la sensazione di sentirsi anche sole». «La giornata di oggi però vuole dare il segnale che siamo più forti e uniti che mai - ha spiegato Nardella - e siamo consapevoli del fatto che l'Italia è amata nel mondo non solo perché è una grande nazione, ma perché ha con sé le più grandi e belle città del mondo. Nessun altro Paese ha questa forza tratta dalla grande proiezione internazionale, che è direttamente proporzionale alla storia delle sue città. Il David è allo stesso tempo un simbolo di una città e di una civiltà».

 

La batosta degli hotel a Venezia: nel 2020 fatturati giù dell'80%, persi due miliardi

Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre, 12:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA