Emily Ratajkowski posa nuda contro la legge anti-aborto in Alabama

PER APPROFONDIRE: aborto, ​emily ratajkowski, instagram
Emily Ratajkowski posa nuda contro la legge anti-aborto in Alabama
Emily Ratajkowski ha posato nuda per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla legge anti-aborto approvata dallo stato dell'Alabama. Con la firma su questa legge si è aperta la battaglia legale, con le associazioni a difesa dei diritti delle donne che hanno già annunciato di voler dichiarare guerra alla misura. Emily Ratajkowski, 27 anni, ha iniziato la sua personale battaglia pubblicando giovedì la foto su Instagram. La modella si copre con un braccio e con un Anthurium. Emily Ratajkowski scrive poi un messaggio: «Questa settimana, 25 vecchi bianchi hanno votato per vietare l'aborto in Alabama anche in caso di incesto e stupro».
 


«Questi uomini al potere stanno imponendo la loro volontà sui corpi delle donne per sostenere il patriarcato e togliendo alle donne di bassa estrazione economica il diritto di scegliere di non riprodursi. Gli stati che cercano di vietare l'aborto sono gli stati che hanno le più alte proporzioni di donne nere che vivono lì. Questa decisione è legata alla classe e alla razza, ed è un attacco diretto alle donne dei diritti umani fondamentali negli Stati Uniti. I nostri corpi, la nostra scelta»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 18 Maggio 2019, 16:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Emily Ratajkowski posa nuda contro la legge anti-aborto in Alabama
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-05-21 09:18:32
Legge assurda in alabama ma sostenere che l’aborto debba essere un metodo anticoncezionale è demenziale. Cosa c’entri poi il pistolotto femminista lo capisco poco tantomeno quello razziale. Forse facilitare l’accesso ai metodi anticoncezionali non violenti faciliterebbe tutto.
2019-05-19 03:00:16
Se come dice la ratajkowski che dove proibiscono l'aborto la stragrande maggioranza delle donne e' di colore e che sono stati 25 vecchi bianchi a decidere, si puo' affermare che non si tratta in alcun modo di razzismo! (sono favorevole siano le donne a decidere)