Export, Calzaturiero Marche, in 6 mesi +13,3% ma -61 aziende

Martedì 21 Settembre 2021
Export, Calzaturiero Marche, in 6 mesi +13,3% ma -61 aziende

Nel primo semestre del 2021 cresce l'export nel settore calzaturiero delle Marche che registra un aumento del 13,3%, ma diminuisce il numero di aziende (-61) con un saldo negativo di addetti pari a -1.045 lavoratori e l'autorizzazione di ore di cassa integrazione dall'Inps in crescita (+13,6%) pari a 6,9 milioni di ore.

 È un quadro di luci e ombre quello che emerge dai dati forniti dal Centro Studi di Confindustria Moda per Assocalzaturifici, e presentati nell'ambito del Salone del Micam. Le prime cinque destinazioni dell'export marchigiano nel primo trimestre 2021 sono: Germania (+3,9% su gennaio-giugno 2020), Francia (+22,7%), USA (+53%), Russia (+21,2%), e Cina (+78,5%). Scorporando il dato a livello provinciale per l'export, balzo del territorio di Macerata +28,7% sul 2020, Fermo +9,1% e Ascoli Piceno un +1,8%.

Miss Venice Beach, Giulia conquista la fascia del Gazzettino

«Gli ultimi dati economici che tracciano il perimetro del nostro settore ci confortano, evidenziando come anche nel secondo trimestre dell'anno emerga un forte recupero nei principali indicatori dopo l'impennata già registrata a marzo. Un rimbalzo legato soprattutto al confronto con mesi in cui le restrizioni imposte ovunque durante il lockdown avevano fortemente condizionato le attività delle imprese, la distribuzione e i consumi», il commento, sullo scenario nazionale, di Siro Badon Presidente di Assocalzaturifici e Micam Milano.

 

Veneto City, addio al sogno della cittadella da 502.700 metri quadrati a ridosso del Passante di Mestre

Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 11:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA