Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Altaroma giunge al termine: tutti i numeri della kermesse della moda della Capitale

Sabato 5 Febbraio 2022
Altaroma giunge al termine: tutti i numeri della kermesse della moda della Capitale

Undici sfilate, 90 brand, 76mila utenti web. Questi (alcuni) dei numeri Altaroma, la Fashion week romana appena giunta al termine. «Altaroma è un’istituzione, una famiglia, un compagno di viaggio per crescere, superare difficoltà e volare. Un ruolo che abbiamo contribuito a far crescere e che, soprattutto negli ultimi anni, abbiamo difeso tenacemente. E questo abbiamo potuto farlo grazie alla fiducia e alla vicinanza delle Istituzioni del territorio, come la Camera di commercio e la Regione Lazio e delle istituzioni nazionali, come il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e l’ICE».

Gretel Z. ad Altaroma: in passerella il fascino di simboli esoterici e proto-streghe

Altaroma, la tradizione sartoriale napoletana nel giardino arabeggiante di Italian Family

È iniziata così la Roma Fashion Week, con le parole con cui Silvia Venturini Fendi, Presidente di Altaroma, che ha inaugurato, lo scorso 2 febbraio, la tre giorni di sfilate e appuntamenti che oggi si chiuderanno negli Studi di Cinecittà. Altaroma difende e consolida il suo ruolo come punto di riferimento per brand indipendenti e designer emergenti tra le manifestazioni italiane, e si posiziona a livello internazionale come la fashion week del Made in Italy nuovo, innovativo, sostenibile e di qualità. Oltre 70% degli oltre 80 brand prodotti da Altaroma - di cui 79 nel progetto Showcase - vantano produzioni sostenibili. Non solo, circa l’80% sono aziende, start-up e realtà imprenditoriali fondati o guidati da donne.

«Altaroma ha subito una forte trasformazione - prosegue la Presidente - e penso che sempre di più la manifestazione e la città stessa possa essere considerata la culla del nuovo, dell’innovazione e delle start up. Siamo stati tra i primi a lavorare sulla sostenibilità, sul genderless e, adesso, anche sull’innovazione digitale. Il nostro è un percorso di valorizzazione del Made in Italy attraverso tutti i nuovi driver dello sviluppo della moda, per favorire i brand nell’accesso ai mercati internazionali». Un’altra edizione di successo che conferma la chiave vincente della piattaforma digitale, rafforzata e amplificata anche dall’app, riuscendo a restituire l’immagine di hub dei giovani talenti, dei brand emergenti e delle realtà indipendenti.

I numeri di questa edizione

Successo ribadito anche dai numeri, che contano: - quasi 400 giornalisti accreditati, e oltre 40 ospiti della stampa internazionale provenienti da diversi paesi, tra cui Brasile, Kazakistan, Spagna, Ucraina, e Regno Unito. - 90 tra brand e designer che hanno partecipato alle iniziative in calendario - 170 tra buyer, showroom e concept-store accreditati sulla piattaforma digitale, di cui 50 in presenza - 11 sfilate negli Studi di Cinecittà e una esterna Oltre 76.000 utenti che hanno seguito online la manifestazione dalla piattaforma e dalla nuova App di Altaroma. «Il ruolo della città di Roma è ormai chiaro - conclude la Presidente - Roma è l’hub dei giovani talenti, dei brand emergenti, delle realtà indipendenti e questo significa lavorare su valori, contenuti e modalità sempre in evoluzione.

Ogni stagione della Roma Fashion Week sintetizza perfettamente il lavoro che Altaroma svolge durante l’anno: creare un network, diventare un ascensore di opportunità per ciascun designer e brand, a partire dai percorsi di formazione, senza i quali è imprescindibile la crescita, fino ad arrivare alle passerelle. La moda in diverse fasi storiche è entrata nel vissuto della città di Roma; oggi lo fa guardando più che mai guardando all’innovazione, al futuro e alle nuove generazioni. Il clima di collaborazione istituzionale che si è percepito con forza in questi giorni, e che vedrà nuovamente impegnate la Camera di Commercio di Roma, la Regione Lazio e il Comune di Roma in una strategia condivisa sulla Moda, non potrà che giovare al nostro territorio, ai nostri giovani e al sistema moda di tutto il Paese».

Ultimo aggiornamento: 7 Febbraio, 08:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci