Cristiano Ronaldo come LeBron James: il business che ruota intorno giustifica gli ingaggi

PER APPROFONDIRE: juve, ronaldo
Cristiano Ronaldo come LeBron James: il business che ruota intorno giustifica gli ingaggi
Egregio direttore, 
leggo che il calciatore portoghese Cristiano Ronaldo, attaccante del Real Madrid starebbe per passare alla squadra della Juventus. Fin qui nulla di strano. Ma la cosa che mi lascia del tutto allibita sono le cifre di cui si sente parlare: 200 e più milioni per il trasferimento del giocatore, 30-40 milioni di contratto all'anno, casa con tre piscine e chissà quali altri benefit. Confesso che tutto questo mi fa impressione. Ma davvero pensiamo che un giocatore di pallone possa valere tanti soldi? Davvero pensiamo che in un mondo come il nostro abbia un senso spendere decine di milioni per un calciatore? Non ci dovrebbe essere un limite allo spreco? O non ci dovrebbe esser almeno qualcuno che prova vergogna di fronte allo sperpero di tanto denaro? Lei cosa ne pensa?


M.F.
Padova


Caro lettore, 
personalmente ha più di qualche dubbio sull'arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Forse ha ragione il vecchio e astuto Luciano Moggi quando sospetta che la stella portoghese stia solo alzando il prezzo della sua conferma al Real Madrid. Staremo a vedere. Quanto ai soldi che la Juventus o qualsiasi altra squadra pagherà per assicurarsi Ronaldo e l'astronomico stipendio che il giocatore si assicurerà, non vedo dove stia lo scandalo o le ragioni di tanta disapprovazione morale. Il calcio è diventato un grande e ricchissimo business globale, è normale che i suoi protagonisti, coloro cioè questo grande circo fanno rendere e funzionare, ne traggano grandi o anche enormi vantaggi. Perché è giusto che un grande cantante o un celebre attore guadagnino tanti soldi e un fuoriclasse del calcio no? Proprio in questi giorni dagli Stati Uniti è arrivata la notizia che LeBron James, la stella del basket Nba e uno dei cestisti più forti di tutti i tempi, ha lasciato la squadra di Cleveland, sua città natale, per accasarsi nei famosi Los Angeles Lakers, in cambio di un contratto quadriennale da 154 milioni di dollari. Somma astronomica anche per il dorato mondo della Nba. Eppure nessuno, al di qua e al di là dell'Oceano, si è stracciato le vesti o ha gridato allo scandalo. I tifosi di Cleveland sono precipitati nella disperazione per aver perso il loro idolo, ma sulle cifre in gioco e sui soldi versati dai Lakers nessuno ha costruito polemiche. Perché il business che ruota intorno a una stella come LeBron giustifica questi esborsi milionari. Per Cristiano Ronaldo è la stessa cosa. Il resto temo siano moralismi senza molto senso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 5 Luglio 2018, 14:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cristiano Ronaldo come LeBron James: il business che ruota intorno giustifica gli ingaggi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-07-06 13:40:15
" 200 e più milioni per il trasferimento del giocatore, 30-40 milioni di contratto all'anno" è il risparmio che si vuole ottenere con la regolarizzazione dei vitalizi dei nostri politici.
2018-07-06 11:12:34
Infatti la notizia ha messo nel parossismo gli acquirenti di azioni..che spesso si muovono sulla baste di rumors, di fuffa.
2018-07-05 20:49:42
le societa' calcistiche hanno bilanci non certificati, operano come una societa' bocciofila di 4 amici al bar. E vengono utilizzate per ripulire denaro sporco. Per questo diventano delle lavatrici gigantesche che muovono denaro nero e di dubbia provenienza. E i calciatori ne traggono enormi profitti...
2018-07-05 19:20:52
... abominio.. quel che muove è solo vuoto.. il nulla. un nulla che fa apparire il nulla come un un disvalore quando in realtà in assoluto non lo è.. nulla di più stupido che esalta l'umana pochezza.. fermate il mondo. è tempo di scendere..
2018-07-05 15:37:20
Il campionato NBA muove molto più denaro del calcio e gli stipendi medi sono decisamente più alti anche se confrontati con gli "eldorado" della premiership o della liga. Visto gli stipendi e i costi del cartellino di altri "campioni" che non sono neanche lontanamente proporzionati al relativo valore in campo (e di ritorno d'immagine e di marketing), pagare James o CR7 quelle cifre, non è nemmeno così folle...