La retrocessione del Venezia e lo schiaffo del mondo del calcio a chi rispetta le regole

PER APPROFONDIRE: calcio, retrocessione, venezia
Caro direttore, 
avrei qualche considerazione da fare sul gran caos prodotto anche quest'anno al termine della stagione calcistica della Lega Professionisti serie B. Alla fine del campionato di calcio si scoprono le gravi irregolarità della società Palermo per cui prima la si spedisce in Serie C, poi non so su che base vengono comminati 20 punti di penalizzazione per cui in pratica la società rimane in Serie B, ma diciamo non fa né i playout né i playoff; forse questi playout doveva farli proprio il Palermo e non il Venezia FC acclarata la salvezza dopo la partita con il Carpi. Poi, continuando con le stranezze e con le regole che cambiano a secondo dei campionati, si scopre che ci sono squadre dilettantistiche, le quali vengono promosse in base al risultato che ottengono negli scontri diretti e per le quali vige il principio del gol fatto in trasferta, quindi i rigori a mio avviso sono una forzatura anche perché giocano due squadre in situazione diverse: una che sapeva di dover fare i playout, l'altra dichiarata salva. Per il Venezia questo principio non è valso, perché penso che dopo anche i supplementari doveva valere il risultato conseguito nel doppio confronto: cioè avendo segnato un gol in trasferta questo vale doppio, come si usa nelle competizioni internazionali. Si cambiano evidentemente le regole in corsa.

Giuliano R.
Venezia


Caro lettore, 
se una squadra che coltiva all'inizio del campionato ambizioni di promozione in serie A e si ritrova poi nei bassifondi della classifica dopo aver cambiato tre allenatori, questo accade per sue precise responsabilità, non per colpa delle regole bislacche e delle interpretazioni creative del regolamenti. Ma, certo, la situazione in cui si è venuto a trovare il Venezia calcio è emblematica della confusione che regna sotto i cieli, non proprio adamantini, della serie B e del calcio italiano. In questo momento, in base all'esito della partita di domenica scorsa, il Venezia è condannato alla retrocessione in serie C. Il Tar o il Consiglio di Stato potrebbe però riammetterlo nella serie superiore, annullando di fatto l'esito dei playout. Staremo a vedere: in questa particolare partita sono più le sentenze emesse che i gol segnati. Resta un fatto: il Tar del Lazio ha deciso che lo scontro Venezia-Salernitana per decretare chi doveva salvarsi e chi no, si doveva comunque giocare perché l'interesse preminente era la conclusione del campionato. Rispettabile principio. Ma mi pare di poter dire che il vero interesse preminente, di tutti, dovrebbe essere innanzitutto lo svolgimento di campionati regolari. E chi si fa costantemente beffa di norme e leggi, come il Palermo, dovrebbe essere punito severamente e messo in condizione di non nuocere. Invece si è deciso di liquidare la faccenda ricorrendo a un classico artificio giuridico. Invece della retrocessione in serie C al Palermo sono stati assegnati, ma a campionato concluso, 20 punti di penalizzazione. Tanti ma ininfluenti, perché del tutto privi di conseguenze pratiche per la squadra siciliana. Insomma: un invito implicito a perseverare nelle irregolarità (tanto non accade nulla). E un bello schiaffo a chi rispetta le regole.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 12 Giugno 2019, 15:01






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La retrocessione del Venezia e lo schiaffo del mondo del calcio a chi rispetta le regole
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-06-14 07:15:31
A parte il fatto che quando un giornalista obbiettività dovrebbe capirlo da solo, ma lasciamo stare questo. Il Venezia quest'anno è retrocesso per demeriti sportivi e sfido chiunque a dire il contrario ; per caso è stato il Palermo a farvi arrivare terzultimi? È stato anche il Palermo ad avervi fatto perdere il playoff? Tra l'altro chi dice che il Palermo non ha pagato è in palese malafede in quanto ci è stata tolta la possibilità di giocarci la massima serie con un danno stimato di almeno 50 milioni. Tutto questo nonostante ben tre tribunali hanno considerato pulite le operazioni contestate dalla lega. È facile dare la colpa agli altri dei propri demeriti. Consiglio a tacopina una buona dose di buscopan.
2019-06-13 11:11:06
Bisogna ammettere che senza Tacopina, il Venezia giocherebbe ancora il suo derby col Campodarsego, tuttavia quest'anno il Presidente del Venezia Calcio ha sbagliato tutto a partire dal Direttore Sportivo all'allenatore, fino pure ai calciatori. Valeva la pena cedere in anticipo giocatori come Stulac e Falzerano? valeva la pena restituire Frey al Chievo per prendere Coppolaro? Votare per la riduzione della serie B a 19 squadre ha comportato un guadagno di 500.000 euro, ma un aumento del rischio di ritrovarsi presto dai play off ai play out dato che le classifica era destinata a diventare più corta. Se fossero state riammesse squadre come la Ternana, Vercelli, Novara, forse il Venezia non sarebbe finito quart'ultimo, ma Tacopina era addirittura convinto di avere una squadra competitiva per la A ed ora paga tanta miopia.
2019-06-13 00:04:35
Personalmene capisco Tacopina, non è abituato alla corruzione ed incapacità che aleggia tra chi è deputato a giudicare nella galassia italiana giuridica, che sia sportiva, civile o penale, in America funziona diversamente e certe cose non sarebbero tollerate, noi italiani ne siamo assuefatti, infatti al posto suo credo un presidente italiano avrebbe fatto continuare ad allenare la squadra anche dopo la sentenza, perchè in italia bisogna sempre prepararsi al peggio e di solito non si viene mai delusi.
2019-06-13 12:34:24
si vede che non conosci nulla degli ambienti sportivi americani basket, football, soccer e baseball, senza escludere hockey e hockey su ghiaccio...
2019-06-12 19:23:07
che c'entra il calcio? semmai la pallanuoto...