Confesso che ho accolto con sollievo la notizia che non hanno dato il premio Nobel a Greta

PER APPROFONDIRE: apce, greta thunberg, premio nobel
Caro direttore,
la giovane ecologista Greta sicuramente esprime una sensibilità e una preoccupazione importante per il futuro dell'umanità. Tenuto conto però della sua giovane età, temo che possa venire manipolata a piacere da chi persegue interessi vari, non sempre per il bene di tutti. Sono comunque importanti le manifestazioni studentesche a proposito del problema ecologico. Il Ministro dell'istruzione e tanti altri, che hanno incoraggiato tali manifestazioni e cortei conseguenti, dovrebbero però, per coerenza e giustizia, invitare i giovani delle scuole a farsi sentire anche a proposito dello scandalo della fame e miseria nel mondo, delle guerre, specie quelle dimenticate (Jemen, Siria e altre in Africa), dei terribili casi in cui (come accaduto da poco in Inghilterra) dei bambini, considerati casi terminali, vengono strappati ai genitori e affidati alla sentenza di un giudice che può deciderne la morte! Per queste realtà e altre non si muove un dito. Mi chiedo perché.


Gaetano Mulè 
Udine


Caro lettore, 
lo strabismo politico è una delle malattie di cui soffre l'uomo contemporaneo. Ci sono fatti o eventi di fronte ai quali ci si indigna e scandalizza in modo assoluto, salvo poi, con la stessa disinvoltura, chiudere gli occhi o girare la testa dall'altra parte di fronte ad altre realtà non meno gravi e scandalose. Il fenomeno Greta Thunberg è figlio di questo atteggiamento. Dirò una cosa che forse non incontrerà il consenso di qualche lettore: confesso di aver accolto con un sospiro di sollievo la notizia che non le è stato assegnato il premio Nobel per la pace. Non perché consideri inutili le battaglie che Greta conduce o non apprezzi le mobilitazioni in difesa dell'ambiente. Ma perché la cultura apocalittica e anti-progresso cui si nutrono i messaggi di questa ragazza svedese non mi pare siano un viatico per la pace nè abbiano contenuti così innovativi come qualcuno vuol far credere e non sono tali da giustificare il consenso globale che le viene attribuito. Nelle parole di Greta riecheggia un'ostilità al progresso che è tipica dell'ambientalismo più radicale. Lei non è semplicemente preoccupata per la difesa dell'ambiente e il futuro della terra. Greta contesta in modo totale e unilaterale un modello di sviluppo, che è quello costruito dalle generazioni che l'hanno preceduta. E che, personalmente, credo sia da correggere, anche profondamente in alcuni aspetti, ma non da rinnegare nè da cancellare.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 15 Ottobre 2019, 11:45






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Confesso che ho accolto con sollievo la notizia che non hanno dato il premio Nobel a Greta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 29 commenti presenti
2019-10-16 11:34:34
la farsa e' che greta e' un'invenzione degli stessi mostri che ci hanno portato a questo punto. Le stesse aziende che hanno incassato denaro devastando il mondo, ora incasseranno denaro per "pulirlo". Nel frattempo pensiamo pure alle stupidate della differenziata, invece di reintrodurre il vuoto a rendere.
2019-10-16 10:07:58
direttore , dall'alto della sua esperienza dovrebbe sapere che , se vuoi ottenere 10 devi chiedere 100 ,se Greta fosse gentile e chiedesse per favore non la considererebbe nessuno ( gia' cosi' gli odiatori seriali e complottisti ne hanno fatto un bersaglio dei loro deliri) quindi deve per forza alzare il tiro dei suoi messaggi se vuole che se ne parli . Il nobel sarebbe stato un premio esagerato ...ma se l'hanno dato a Dylan .....
2019-10-16 11:10:01
messaggi di chi ? in favore di chi ? chi si muove dietro quella ingenua virago ?
2019-10-16 12:27:17
E per tutti i complottari vale la stessa regola fate nomi cognomi altrimenti, poteri forti ,loro, le grandi multinazionali sono tutte chiacchiere al vento o sapete chi c'è dietro e fate i nomi Altrimenti è inutile scrivere stupidaggini
2019-10-15 22:34:38
greta è figlia dei 100% animalisti. stesse idee estremiste e stesse faccia tosta di chi predica bene , ma mica tanto, e razzola male.