Belli i Mondiali in Russia, ma la democrazia non si misura sulla qualità degli stadi

PER APPROFONDIRE: brasile, mondialai, putin, russia
Caro Direttore,
siamo alle battute finali ma sappiamo già chi ha vinto questi Mondiali di Russia. Si chiama Wladimir Putin che ci ha fatto vedere cose splendide, simbolo di un Paese che giustamente va fiero del suo capo. Sappiamo anche chi li ha persi, e questa non poteva essere che la RAI che ci inondava di immagini di Salvini e Martina mentre tutti stavano guardando da un'altra parte. Fino a quando, Direttore, durerà la nostra pazienza su questi dirigenti da bottega di paese?
Enzo Fuso
Lendinara (Rovigo)

Caro lettore,
i Mondiali innanzitutto li ha vinti il calcio europeo e li ha persi quello sudamericano. La concretezza e la potenza fisica (fortemente alimentata da giocatori di origine africana) delle nazionali del Vecchio Continente ha avuto la meglio sul talento troppo spesso inconcludente e sulla presunzione tecnica dei Messi e dei Neymar. Nel calcio le certezze durano lo spazio di 90 minuti, ma la maldestra uscita di scena di Brasile, Argentina e c. prima delle semifinali non è un fatto casuale. La Russia come paese organizzatore dei Mondiali ha giocato al meglio la sua partita: ma su questo c'erano pochi dubbi. Il sistema oligarchico creato da Putin è una macchina altamente efficiente nella creazione del consenso e i Mondiali erano un'occasione imperdibile per ribadire il potere e la centralità anche internazionale del nuovo zar. La democrazia però è un'altra cosa e non la si misura sulla qualità dei nuovi stadi o delle strutture d'accoglienza per calciatori ed ospiti. Quanto alla Rai ha fatto i suoi conti e ha deciso di dedicarsi ad altro. Ma non vedo troppe ragioni per lamentarsi: Mediaset ha fatto un ottimo lavoro e garantito eccellenti servizi. Gratis e con una qualità che certo non ha nulla da invidiare a quella della tv di stato. Anzi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 8 Luglio 2018, 05:04






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Belli i Mondiali in Russia, ma la democrazia non si misura sulla qualità degli stadi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2018-07-14 13:34:24
al popolo basta avere il solito panem et circenses. di tutto il resto se ne fregano.
2018-07-10 12:24:23
perchè democrazia non può essere sinonimo di ordine pubblico e rispetto per quello che ti sta vicino? queste cose non succedono con l'attuale sistema democratico che abbiamo in italia dove è più tutelato il malfattore e chi arriva come finto profugo. meditate gente, meditate. democrazia è poter uscire la sera di casa senza il patema che una volta rientrato ti trovi la casa ripulita. democrazia è poter lavoarare con una giusta paga ed un giusto trattamento e non dover sgobbare col fiato di chi ti controlla sul collo per qualche misero euro. democrazia è poter leggere sul giornale cose vere e giuste e non solo quello che fa comodo a colui che paga chi scrive.
2018-07-09 16:51:17
Io direi che dopo settantanni di democrazie sarebbe ora di tirare il punto della situazione, funzionano? Sono realmente democrazie? Rendono felici i popoli? Quanto conta il voto di una persona in una democrazia? Sinceeramente il bilancio non può esser di certo positivo, il confronto tra i sistemi di governo differenti come quello cinese e russo e quelli cosidetti democratici come quelli europei è impietoso.
2018-07-09 11:16:21
Ai tempi del fascio i treni arrivavano in orario, dicono, non per niente il miglior amico di Putin è un certo salvini.
2018-07-09 12:41:51
Nelle chiese abbandonate si preparano rifugi E nuove astronavi per viaggi interstellari