Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La madre dell'aggressore di Marta dovrebbe indurlo a rientrare, ma chi ha sbagliato dovrebbe chiedere scusa

Mercoledì 10 Agosto 2022
Marta Novello
1

Egregio Direttore,

Quando ho letto la notizia della scarcerazione e relativa fuga del ragazzo che accoltellò Marta Novello speravo non fosse vera. Invece, al di là delle solite falle della Giustizia, ciò che mi sbigottisce, a parte l'atteggiamento del ragazzo il cui primo pensiero è stato poter tornare a giocare alla Play Station con gli amici, è la complicità della madre e dei parenti.
E' naturale che una madre protegga sempre i figli, ma, visto che non si parla mai di padre, non sarebbe stato meglio aiutarlo prima del fattaccio?
Non per fare il moralista, ma per rispetto della vittima.


Luciano Novello
Mogliano Veneto


Caro lettore,
è sempre difficile giudicare il comportamento di una madre. Certamente credo che farebbe il bene di suo figlio se lo convincesse a rientrare quanto prima in Italia e a mettersi a disposizione della giustizia, com'è giusto che sia e come previsto dalle sentenze. Posso capire che non sia una scelta facile, ma spesso le scelte difficili sono anche le migliori. Magari non nell'immediato, certamente per il futuro.


Però diciamo anche che all'origine di questa incresciosa e assurda situazione c'è innanzitutto un clamoroso e inaccettabile errore da parte di qualche ufficio giudiziario. Una data sbagliata a qualcuno potrà sembrare un'inezia, una banale disattenzione da giustificare magari con gli elevati carichi di lavoro.


Nella realtà quando in gioco ci sono la vita e la sofferenza delle persone non c'è mai nulla di banale o irrilevante. E ciò che in questa vicenda non abbiamo ancora ascoltato è: scusate. Forse qualcuno in qualche ufficio giudiziario avrebbe dovuto pronunciare questa semplice parola. Non ci pare sia successo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci