Macron non merita sconti, ma Di Maio non può inneggiare a un movimento che fa uso della violenza

PER APPROFONDIRE: gilet gialli, luigi di maio, macron
Caro direttore, 
trovo davvero vergognosa e indecente l'ultima trovata di Di Maio e del suo amico Di Battista tornato, purtroppo, dal suo soggiorno dorato in America Latina dove, forse, ha studiato come si combatte la guerriglia rivoluzionaria alla Castro e Che Guevara. 

Questi signori, infatti, hanno dichiarato di essere al fianco, col M5S, non di pacifici contestatori al governo Macron, ma di quella massa di teppisti che sono rimasti a indossare il gilet giallo e che si stanno dedicando anima e corpo alla devastazione di Parigi. Siamo di fronte ad una provocazione colossale nei confronti di un Paese, la Francia, con il quale abbiamo avuto più di un attrito ma che comunque è un nostro alleato e membro di quell'Unione europea della cui unità e solidarietà abbiamo tutti bisogno; e invece cosa fanno i nostri capi pentastellati? Non solo interferiscono negli affari interni di un altro Paese, ma approvano quelli che vi compiono atti di vandalismo. Un capolavoro di diplomazia, non c'è che dire! 


Mauro Cicero 
Mogliano Veneto TV 


Caro lettore, 
non possiamo certo dire che la Francia e il suo premier Macron in questi mesi si siano sempre comportati da alleati esemplari nei confronti dell'Italia. In più di un caso hanno usato parole inopportuno e inappropriate. Tuttavia un vice premier non può e non deve inneggiare a un movimento che fa un uso deliberato della violenza e giunge ad attaccare con una ruspa la sede di un ministero. 
Quella dei gilet gialli è una realtà composita al cui interno convivono sensibilità e linee diverse. È un movimento che esprime un malessere profondo della società francese, ma lo fa utilizzando anche modalità che sono incompatibili con il ruolo di leader di un governo europeo. L'intento dei leader di M5s è evidente: mantenere agli occhi del proprio elettorato più arrabbiato e integralista quell'aurea rivoluzionaria e anti-sistema che l'esperienza di governo ha parecchio appannato. Allontanando magari l'attenzione da questioni assai più concrete come lo scontro interno ai pentastellati sul sì alle trivelle in Adriatico. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 9 Gennaio 2019, 13:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Macron non merita sconti, ma Di Maio non può inneggiare a un movimento che fa uso della violenza
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2019-01-10 12:31:40
dalmagold...mettiamoci pure nel cesto da sopportare ad orecchie basse le sanzioni stradali carissime che vengono ormai calate da sofisticate apparecchiature automatiche collegate a servizi informatici.Non si sgarra di un atomo oltre limiti prefissati al tavolino e....non ostante questo i veri criminali su strada se ne impippano.Uno esce coi pensieri appannati dopopo 10 -12 ore di lavoro e zacchete...con 57 km/orari gli succhiano l'intera giornata , anche due o tre, passata a sfangarla in supermercato, catena di montaggio, ospedale..poi scatta la detrazione punti, altra a invenzione con punti ecalcalcolati al tavolino..poi le ZTL,( all'italiana la soluzione di corsi recupero punti sulle 250 euro), poi le revisioni ravvicinate indipendentmente dal chilmetraggio percorso tra un e l' altra,l'aumento del gas in inverno e dell'energia elettrica in estate, le tasse sulle tasse.., se invece subisci vandalismi all'autoparcheggiata ...campa cavallo.Toccata e fuga.Occorerebbe ben piu' di un gilet giallo...a noi andrebbe adatto un modello Arlecchino..
2019-01-10 10:52:21
I pacifici contestatori di solito muoiono di fame, sig. Cicero ha sbagliato tutto giudicando dei presunti violenti in modo violento, su ci pensi, può succedere.
2019-01-10 10:04:48
dopo 8 settimane in piazza a rompere le pelotas, candeggiare bene le mutande
2019-01-10 06:03:51
Senza basi filosofiche o economiche ...un movimento populista deve continuamente crearsi una storia , trovare un terreno ( urge adesso trovarlo in ambito Europeo causa elezioni imminenti) su cui delineare un confine tra NOI( i migliori che sono dalla parte del popolo)e LORO...( gli elitari, garantiti,radical chic e fichetti col vitalizio o servitori della finanza ) .Poi di questioni propagandate come divisorie altri ne trovano altre (la sicurezza , i clandestini, le squadre di calcio,le olimpiadi.. ). Ma le grandi questioni che non acchiappano audience(lavoro, tasse, globalizzazione)se le giocano altri, le potenze militari o economiche.
2019-01-09 21:51:21
Quindi gli esagitati dei centri sociali sono da ergastolo, mentre i devastatori col gilet giallo sono eroi. Mah!