Lo scontro sull'addizionale regionale Irpef è la spia di due diverse visioni della politica e del Veneto

Mercoledì 8 Dicembre 2021
2

Caro Direttore,
apprendo da Il Gazzettino dello scontro in atto in Consiglio regionale fra la maggioranza e l'opposizione in tema di bilancio. La cosa non stupisce, perché in fondo fa parte delle regole del gioco. Quel che colpisce invece è come il Partito Democratico rimanga sempre fedele al principio caro alla sinistra del tassa e spendi. Quest'ansia impositiva fa parte del Dna della gauche, e se c'è una tentazione alla quale la sinistra non sa resistere, è quella di aumentare le tasse a coloro che ritengono più ricchi. E poi si meravigliano se la sinistra in Veneto è ai minimi storici!

Umberto Baldo


Caro lettore,
aldilà dei diverbi in Consiglio regionale, credo che lo scontro sull'introduzione anche in Veneto dell'addizionale regionale Irpef sia una delle spie che aiutano a comprendere il trasversale successo politico di Zaia e, nel contempo, la debolezza ormai strutturale della sinistra in Veneto. L'attuale governatore, come emerge anche dal sondaggio che pubblichiamo oggi e dal commento di Ilvo Diamanti qui sotto, ha compreso da tempo un aspetto fondamentale del territorio veneto: il suo naturale dinamismo, la sua capacità di fare, anche di impegnarsi per gli altri come dimostra l'elevatissimo numero di volontari presente in Veneto. A un territorio con queste caratteristiche la politica non deve preoccuparsi di togliere, ma di dare. Deve mettere a disposizione gli strumenti adeguati e creare le condizioni per crescere. Deve orientarne al meglio lo sviluppo, non imporre una propria visione dirigistica e ideologica. Lasciare ai veneti un miliardo di euro, non introducendo l'addizionale Irpef, risponde anche a questa concezione della politica e a questa visione della società. Dietro la quale si intuisce (e lo intuiscono anche gli elettori) una fiducia di fondo nella comunità civile e nelle sue articolazioni. Anche nella loro capacità di utilizzare le risorse economiche. Questo tipo di legame profondo con il territorio continua invece ad essere lontano dalla proposta politica della sinistra veneta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA