Salvare vite umane è un dovere, ma non si deve incentivare l'immondo traffico di esseri umani

PER APPROFONDIRE: immigrazione, ong, porti chiusi, salvini
Egregio direttore,
ho sentito in televisione un'intervista al comandante dell'imbarcazione di una Ong tedesca. Costui si trova in questi giorni con la sua nave al largo di Malta con oltre 250 migranti a bordo, tra cui donne e anche alcuni bambini, in attesa di sapere dove potrà farli sbarcare. Nè Malta, nè Italia nè altri Paesi, compresa la Germania, hanno dato il permesso. Il comandante, rivolto al nostro ministro degli Interni Matteo Salvini ha detto: «Vorrei ricordare che salvare vite umane non è un crimine». Parole molto forti nelle quali è facile intuire una chiara accusa al governo italiano. Giustificata? Lo chiedo a lei.


G.R.
Treviso


Caro lettore,
chi non potrebbe essere d'accordo con il comandante di quella nave? C'è forse qualcuno che pensa che salvare vite umane sia un crimine? Non credo proprio. E non credo che lo pensi nessun ministro di un governo italiano o europeo. Le parole del comandante della nave Ong tedesca, in realtà, intendono legittimare l'azione delle numerose Organizzazione non governative impegnate nel Mar Mediterraneo a raccogliere i migranti partiti dalle coste africane e abbandonati poi in mare aperto dagli scafisti. Fino a poche settimane fa la quasi totalità di queste imbarcazioni approdavano senza particolari problemi nei porti italiani e i migranti a bordo venivano accolti nei centri d'identificazione e di accoglienza allestiti in prossimità delle coste. Da qualche giorno questo non è più possibile, perchè il governo italiano ha deciso di non aprire i propri porti alle navi Ong che battono bandiera straniera. Una scelta molto contestata ma che ha una sua motivazione. Di fatto la presenza di queste imbarcazioni rappresenta una garanzia per i migranti ma anche per gli scafisti. Gli uni come gli altri sanno che qualsiasi cosa succederà troveranno nelle acque internazionali le navi Ong pronte ad intervenire, a rifocillare e a trasportare poi in Europa i migranti. Chiediamoci: se queste navi non ci fossero, gli sbarchi non diminuirebbero drasticamente? E i mercanti di uomini non vedrebbero precipitare i loro orribili affari? Il comandante tedesco ha ragione quando dice che salvare vite umane non è un crimine. Ma bisogna fare in modo che l'attività delle Ong non diventi un incentivo per l'orrendo traffico di esseri umani che da troppo tempo si consuma nelle acque del Mediterraneo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 26 Giugno 2018, 13:36






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Salvare vite umane è un dovere, ma non si deve incentivare l'immondo traffico di esseri umani
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2018-06-27 12:09:13
... con la prospettiva che entro qualche anno la tavola comune ( già ora mezza vuota) sia circondata da orde di famelici esseri ( dieci - dodici miliardi ) col pugnale in bocca pronti a scannarsi per l'ultima briciola ( senza contare l'odio atavico cultural religioso ) " salvare " vite ad ogni costo e con ogni mezzo appare per lo meno contradditorio..
2018-06-27 12:04:29
Si devono aiutare? Ok, va bene, aiutiamoli. Ma per me prima ci sono i 5 milioni di italiani in povertà assoluta che l'ISTAT ci ha certificato l'altro ieri. Ricordo che un padre che si prende cura del vicino trascurando il figlio è penalmente perseguibile, e prede la potestà, questo deve valere anche per gli Stati, o no? Poi, solo dopo aver risolto quel problema, si possono aiutare gli altri. Ma aiutare a casa loro, perchè portarli qui non fa che sommare ai loro i nostri problemi. Aiutiamolo, va bene, ma dopo i nostri e non qui. Sembra che finalmente ci siamo, che ci si stia muovendo in questa direzione, speriamo.
2018-06-27 11:07:01
C'e' da "disbattesimarsi" ovvero nel fare revisionismo.Ci hanno insegnato a scuola da bambini che l'imperialismo coloniale razzista e' stato un disastro( ed e'vero) ,dicuivergognarci. Pero' avere la coste del Mediterraneosotto controllo nazioni europee( da Istria in senso orario fino a Marocco) come nel secolo scorso non sarebbe scomodo( Spagna e Uk si sonotenute delle enclave cuscinetto in Marocco e Gibilterra)Ora gli stati sovrani sostitutivi scimmiottano il regime democratico con qualche elezione, poi regna il caos a danno degli ex, con abitanti finiti dalla padella alla brace di dittature militari....con fondamenti pseudoreligiosi..Solo padroni sfruttatori schiavisti sterminatori o anche un poco civilizzatori, quandoi regimi dittatoriali europei e le monarchie furono sostituite da regimi democratici?.
2018-06-27 09:39:02
vorrei rammentare al signor G.R. che il soccorso è un concetto diverso dall'accoglienza.Il governo precedente invece ha sempre fatto volutamente coincidere i due concetti:salvare o essere salvati non dà automaticamente il diritto di scegliere il paese in cui portare o essere portati.Si è mai chiesto signor G.R.come mai qualsiasi "salvataggio"(in realtà trasbordo)ha visto come unico approdo sempre e solo l'Italia?La realtà è diversa da come ce l'hanno sempre dipinta:ora che i paesi europei hanno l'occasione di esibire la loro solidarietà,il loro umanitarismo,si eclissano minacciando di alzare più muri.NOi eravamo il loro parafulmine,lo sapevano ma facevano finta di niente.Ora dimostrano la propria pochezza e ipocrisia.Chi sono i veri vomitevoli?
2018-06-27 00:31:36
Forse cio' che desiderano veramente e' di farsi ricolonizzare.In Africa si deve intervenire drasticamente o non finira' maiiiiii.