«Mio marito invalido al 100%, il catetere veniva cambiato una volta al mese, ora ogni due»

PER APPROFONDIRE: invalido, legge, papetti, sanità
Gentile Direttore,
le scrivo per segnalare un problema che mi trovo a dover affrontare insieme a molte altre famiglie che si trovano nelle nostre condizioni. Mio marito ha una invalidità del 100% ed è portatore di catetere permanente da circa due anni. Il cambio del catetere, che viene fatto a domicilio dal servizio sanitario pubblico, all'inizio veniva effettuato una volta al mese. Successivamente i tempi si sono allungati fino ad arrivare a due mesi e mezzo di intervallo tra un cambio e l'altro.
Questo corpo estraneo, a cui si fa ricorso solo quando non ci sono alternative, dopo un mese circa che è inserito, comincia a dare fastidi che col passare del tempo diventano insopportabili.
Il personale sanitario, sempre gentile, efficiente, disponibilissimo, nonché sempre di corsa perché oberato di lavoro, bersaglio dei continui tagli alla sanità, non ha modo di garantire la soddisfazione dei bisogni dei pazienti.
Pur sapendo che i problemi della sanità sono tanti desidererei che venisse posto l'accento anche su questo particolare problema che, con l'invecchiamento ella popolazione, sarà sempre più presente.

Annamaria Niero
Mestre



Cara lettrice,
spesso in questa rubrica ci occupiamo di massimi sistemi, di questioni etiche, di alta e bassa politica. Ma ci sono anche tanti problemi, piccoli e grandi, che condizionano concretamente e quotidianamente la vita delle persone e di chi sta loro accanto. Spesso però la maggior parte di noi ignora l'esistenza stessa di questi disagi e queste sofferenze. Non per indifferenza, ma semplicemente perché non sa che esistono.
Anche per questo pubblico la sua lettera. Non so se verrà letta da qualcuno che può contribuire ad alleviare le sofferenze di suo marito e di tanti come lui. Ma credo sia giusto che anche di queste realtà si parli. E magari si trovi una strada per rendere meno faticosa l'esistenza di chi già ha sofferto e soffre.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 28 Dicembre 2017, 05:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Mio marito invalido al 100%, il catetere veniva cambiato una volta al mese, ora ogni due»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2017-12-29 11:42:25
... curato.. quando sarai reincarnato... oggi le priorità sono altre. e la signora lo sa.. ma ..
2017-12-29 10:21:53
Purtroppo da un anno circa mio padre di 89 anni ha dei problemi di salute che ci hanno portato spesso al pronto soccorso. Dopo averlo portato 3 volte nell'arco di 10 giorni e rimandato a casa in condizioni precarie finalmente la 4a volta l'hanno operato d'urgenza. Credo che i medici abbiamo dei protocolli da rispettare per risparmiare ma, nel nostro caso, avrebbero risparmiato se l'avessero operato subito la prima volta in occasione della prima emorragia. Invece, dopo aver posizionato il catetere, l'hanno rispedito a casa e da lì è iniziato il calvario durato 12 giorni. Certi risparmi sono inutili e più dispendiosi!
2017-12-29 09:31:55
Coraggio signora Niero. Credo che ormai per la sanità e per la previdenza prima moriamo è meglio è. Comunque tra le tante curiosità di come vengono impegnati i soldi pubblici è giusto sapere che in questi giorni con due emendamenti al bilancio regionale (Veneto) sono stati erogati 450 mila euro alle associazioni venatorie (ai cacciatori). Per qualcuno, anche se socialmente inutile, i soldi si trovano sempre.
2017-12-29 07:09:32
In molti , tra legislatori o managers vorrebbero una Sanita' che cura i Sani.Gli ammalati sono un impiccio, fanno sforare il budget e poi non si busca il premio di produttivita' aggiuntivo al gia' lauto stipendio.
2017-12-29 16:04:16
Giustissimo. I premi di produttivita' dei manager (ad almeno 4 zeri, alcuni a 5 ...) sono legati essenzialmente all'efficienza. Ovvero al risparmio che si fasulla pelle di malati e dipendenti.