La tentazione di punire chi usa il contante è figlia di una visione ideologica dello Stato

PER APPROFONDIRE: carta di credito, contante, denaro
Egregio direttore, 
non basterebbero due legislature di stampo liberale, per rimuovere i divieti imposti dai governi degli ultimi cinquant'anni. Rivelatisi addirittura inutili per non essere serviti a nulla, ma solo a peggiorare quello che dovevano migliorare. Malgrado: il governo in carica vuole fare la lotta al contante per combattere l'evasione fiscale, obbligando tutti a pagare ogni transazione con carta di credito. Un'altra iattura per quei 15 milioni di anziani la cui maggioranza è negata per le nuove tecnologie digitali. In Europa non penso esistano paesi dove i governi per decreto impongano ai loro cittadini misure del genere. Se l'esecutivo giallorosso pensa che questa sia la strada giusta per battere l'evasione, dovrà presto ricredersi. Non è su quel versante che prosperano gli evasori, ma in altri ambiti dove trovano omertà e protezione. Né penso dopo tutte le misure adottate con scarsi risultati, si possa continuare sulla stessa linea dimostratasi sterile. Quantomeno andrebbe sperimentata qualche forma di riduzione della pressione fiscale per accertare le risposte, prima di aggiungere altri costi ai contribuenti corretti per l'emergenza Iva. Magari nel frattempo stanando gli evasori per provvedere al compito. Cordiali saluti.

Renzo Nalon 
Venezia


Caro lettore, 
mi pare che se l'approccio del precedente governo era talvolta un po' pasticciato e ondivago, quello dell'esecutivo attuale si distingue per essere spesso contaminato da una visione ideologica della realtà. Basti ricordare la recente polemica sul crocefisso nelle scuole o l'ipotesi di legare il costo dei ticket al reddito: una misura demagogica che, tanto per cambiare, avrebbe penalizzato il ceto medio e chi paga già le tasse. Anche sul denaro contante sta accadendo la stessa cosa. Si procede per slogan e visioni schematiche, dividendo il mondo in buoni (chi usa il denaro elettronico) e cattivi (chi usa il denaro contante), secondo una visione ideologica che postula uno Stato padre e padrone, che deve ammaestrare e intimorire i suoi cittadini. Ma la lotta all'evasione fiscale non si fa per slogan e simboli, bensì con norme efficaci che devono penalizzare il meno possibile il dinamismo dell'economia e le libertà individuali. Incentivare l'uso delle carte è giusto, punire chi usa contante è solo un esercizio improprio(e dagli effetti concreti tutti da verificare) del potere statuale. Senza considerare un altro aspetto: in Italia abbiamo già un fisco fortemente invasivo. Paghiamo tante tasse e siamo soffocati dalle norme. Pensare di introdurre ulteriori balzelli e complicare la vita dei cittadini è esattamente il contrario di quello sarebbe necessario.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 5 Ottobre 2019, 13:51






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La tentazione di punire chi usa il contante è figlia di una visione ideologica dello Stato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 20 commenti presenti
2019-10-06 15:30:34
Ottima la risposta del Direttore. Aggiungo di mio di andare personalmente in bestia quando - ed è successo anche in questi giorni con l'intervento in tv di una giovane parlamentare - si continua con la "menata assoluta" del mantra: "Se tutti pagassero le tasse le tasse diminuirebbero". MA NON E' VERO. E non per arcane ragioni di raffinati e dotti calcoli economici, quanto perchè lo Stato è INCONTENIBILE nella propria voracità. Se per una straordinaria magia improvvisamente TUTTI pagassero le tasse, allo Stato i denari non basterebbero comunque. E ne vorrebbe ancora di più, naturalmente per sperperarli come è solito fare da sempre.
2019-10-06 11:12:03
i dipendenti statali e privati non pagano nessuna imposta o tassa, e vi spiego perché. se chiedete a uno di questi quanto prende in busta paga vi dirà sempre la cifra al netto.
2019-10-06 11:09:51
Con l'acquisto della consapevolezza e della maturita' di pensiero, nonche' dell'esperienza in campo, si puo' solo cogliere un esacerbante avvio di dittatura che non conosce politica, ne' linea di sinistra o di destra. Un solo desiderio: pareggiare la societa', creare una patina di societa' piatta, allevata senza cultura e senza lavoro, al solo scopo elettivo. Questo e' quello che penso, al di la' dell'ultima manovra sul contante! E chi non la pensa in ugual modo, viene posto alla gogna!
2019-10-06 08:11:14
Sul fatto quotidiano 2017 In sicilia 57 miliardi di tasse non riscosse. Da allora secondo voi sono state riscosse? E poi vogliono diminuire l’uso del contante?
2019-10-06 07:51:56
il denaro e la libera circolazione di esso, rappresenta lo stato in essere, la carta di plastica rappresenta ed identifica una serie di banche. finché si potrà pagare in contanti userò solo contanti, voglio essere libero di scegliere in uno stato che non vi siano mediatori a prendere il pizzo sulle mie scelte personali di spesa. i miei soldi guadagnati lavorando sono miei e basta e voglio disporre liberamente, senza avere l'obbligo di depositarli in mano ad una banca centro di truffatori legalizzati. basta con banche e monopoli.