Il cibo biologico? Un mito più che una realtà E il costo più elevato non è sempre giustificato

PER APPROFONDIRE: bio, cibo, prezzi, qualità
Egregio direttore,
il tam tam sul biologico mi ha incuriosito e dopo essermi recato in un paio di negozi specializzati Bio sono rimasto molto deluso. Per esempio: un pacco di pasta prodotta in Italia con grano italiano al costo di 1 euro per mezzo chilo. Sempre pasta con le stesse caratteristiche ma a 3 euro per pari peso. Così per riso, olio, eccetera. Differenze che la responsabile del negozio non ha saputo giustificare. Allora mi chiedo, come possiamo fidarci? Comunque per non sbagliare non ho comperato niente.


Rimo Dal Toso
Padova


Caro lettore,
come prima cosa è bene sapere che la legge consente di definire un cibo biologico considerando non il 100% dei suoi ingredienti ma il 95%, il restante 5% può contenere sostanze che di organico non hanno proprio nulla. E questo non è un dettaglio di poco conto. Ma c'è di più. Una recente ricerca dell'università americana di Stanford ha sfatato il mito della superiorità del cibo bio rispetto ai cibo tradizionali. I ricercatori statunitensi hanno dimostrato che non ci prove scientifiche certe di una netta e costante differenza di qualità e salubrità tra questi alimenti e quelli convenzionali, prodotti in colture o allevamenti dove vengono usati anche prodotti chimici. Restando in Italia uno studio della rivista specializzata Altroconsumo ha analizzato una serie di prodotti biologici (biscotti, yogurt, confetture etc) rilevando che in parecchi casi questi alimenti contenevano grassi di scarsa qualità o, come nel caso dei cereali, addirittura più micro-tossine rispetto ai prodotti convenzionali. Questo naturalmente non significa che gli alimenti biologici siano sempre un bluff o addirittura peggiori di quelli tradizionali. Anche in questo campo, come sempre, bisogna sapere scegliere. C'è bio e bio. Ma spesso le differenze tra i prodotti organici e gli altri non sono così rilevanti da giustificare differenze di prezzo come quelle che lei ha rilevato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 2 Febbraio 2018, 15:39






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il cibo biologico? Un mito più che una realtà E il costo più elevato non è sempre giustificato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-02-03 15:17:08
scusi direttore: MICOTOSSINE
2018-02-03 14:09:59
... termine da sostituire con " naturale " .. di certo più... logico ..
2018-02-03 12:30:36
Vorrei spendere due parole a favore del biologico. Che ci sia della speculazione sulla parola Bio è fuori di qualsiasi dubbio. Ormai viene appiccicata anche ai detersivi o alle bottiglie dell'acqua. La ricerca del mangiare meglio e più sano e il rispetto dell'ambiente che sta dietro però non è sbagliata. Avere 100 quintali per ettaro di patate non ha nessun senso se poi ne buttiamo via 50. Invito poi chiunque ad assaggiare delle patate venute in un ambiente "normale" e delle patate da coltivazione intensiva. La differenza di gusto in un semplice purè è notevole. Abbiamo abbandonato decine di varietà di mele per adottarne 4 0 5, più belle sicuramente ma che richiedono decine di trattamenti perché non hanno la stessa resistenza alle malattie. La vita è fatta di libere scelte e qualcuno può aggiungere del burro per insaporire il purè fatto con patate scadenti e prendersi poi delle statite per diminuire il colesterolo.
2018-02-03 06:43:23
Un Biochimico di Fama venne contattato da ditta di prodotti alimentari, affinche' appoggiasse una linea di prodotti arricchiti con DNA. Rispose che di DNA ve n'era in abbondanza in tutti quelli ordinari , che il DNA era ovungue ci fosse un essere vivente. Poi ..se proprio si vuole, dentro ilcaffe' di moka, si puo' aggiungere uno o due cucchiai di caffe' liofilizzato, per arricchirlo.Sempre caffe' e' .
2018-02-02 23:10:08
Qualche anno fa, un commesso di un consorzio agrario mi disse che gli agricoltori biologici si facevano fare la fattura per i concimi organici, mentre pagavano in nero la nitrofosca. Allora mi sono fatto un'idea sull'agricoltura biologica.