L'alleanza Pd-Cinquestelle non è impossibile Per qualcuno Salvini è un nemico pubblico

Lunedì 18 Febbraio 2019
18
Gentile direttore,
come è ipotizzabile, come lei sostiene nella risposta di ieri, che un M5s alleato con il PD possa governare? Una maggioranza di questo tipo era al limite anche con i numeri delle elezioni del 4/3/18 e i sondaggi di oggi prevedono una forcella tra il 41 e il 45 per cento.
Sergio Bianchi
Venezia



Caro lettore,
la politica è l'arte dell'impossibile e non è fatta solo di numeri. Spesso in Parlamento sono nate coalizioni che sulla carta non avevano i voti per governare ma li hanno poi trovati facendo leva su gruppi di deputati o senatori in libera uscita. Non dimentichiamoci che quando cade un governo, il timore di nuove elezioni e quindi la possibilità di non essere ri-eletti, produce spesso miracoli e improvvise conversioni politico-culturali tra gli scranni del Parlamento. La possibile alleanza tra M5S e sinistra è uno dei temi caldi del dibattito congressuale del Pd e questo è già un indizio di quanto questa prospettiva politica sia d'attualità e venga considerata, almeno da alcuni settori di questo partito, una strada percorribile e assai più concreta di quanto possano suggerire i numeri. Inoltre è evidente che ci sia nel Paese una corrente d'opinione trasversale, sia sul piano politico che su quello geografico, che individua nella Lega di Salvini (assai più che il Movimento 5 Stelle) il pericolo pubblico numero uno, il vero nemico da battere. Trasformare questo sentimento in una maggioranza parlamentare anti-Lega non sarà affatto facile, ma che qualcuno ci stia pensando è molto probabile. © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci