Per Alitalia e Ilva non serve far risorgere l'Iri. Servono progetti industriali efficaci e sostenibili

PER APPROFONDIRE: alitalia
Caro Direttore
ma allora Gianbattista Vico aveva ragione quando formulava la teoria dei corsi e ricorsi storici? Così sembra osservando l'irrefrenabile voglia di intervento pubblico che attraversa alcune Forze politiche nostrane, Movimento 5Stelle in testa. Far confluire in un novello Iri le aziende in crisi, da Alitalia all'Ilva, questa la grande idea che circola nei palazzi romani. Il coinvolgimento diretto dello Stato diventa così l'ultima soluzione per governanti che di soluzioni non ne hanno più; la più facile soprattutto a livello elettorale. Incuranti e immemori che l'Iri venne smantellata in quanto era diventata una gigantesca mangiatoia dei Partiti. Resta il dubbio sul perché l'esigenza di protezione pubblica sia sentita da Lor Signori per le grandi aziende, soprattutto se operanti al Sud, mentre quando una piccola impresa è in difficoltà, allora valgono le regole di mercato.

Ivana Gobbo
Abano Terme


Caro lettrice,
l'Iri ha avuto una sua importante funzione storica, sia negli anni' 30 che nel dopoguerra durante il cosiddetto miracolo economico. Quando questa funzione è venuta meno e l'Istituto si è trasformato in una gigantesca holding che consumava enormi quantità di risorse pubbliche, si è deciso di farlo scomparire. Pensare di farlo rinascere oggi è, nel migliore dei casi, una stupidaggine. Nel peggiore è il tentativo di far sopravvivere, foraggiandole con i soldi dei contribuenti, aziende che hanno parametri finanziari, economici ed occupazionali fuori mercato. Alitalia ed Ilva sono state a lungo sotto il controllo pubblico (allora l'Ilva sia chiamava Italsider, ma poco cambia) per poi essere cedute ai privati, proprio perché avevano conti disastrosi e lo Stato non era stato in grado di garantire loro una gestione efficace ed efficiente. In base a quale formula magica, oggi, queste due imprese, che navigano in pessime acque, tornando nelle mani pubbliche dovrebbero poter rilanciarsi? Perchè oggi lo Stato dovrebbe riuscire laddove per decenni ha clamorosamente fallito? Non è dato saperlo. Per entrambi questi gruppi il problema è individuare un progetto industriale e gli assetti con esso compatibili. Dopodiché lo Stato può avere un ruolo anche azionario (di minoranza) nell'ambito di un progetto di rilancio di gruppi che hanno un valore strategico. Ciò che non è accettabile è che si ritorni ad un tempo in cui lo Stato-padrone interviene per tenere in piedi imprese fuori-mercato o gravati da livelli occupazionali o debiti insostenibili. Perché questo modo di agire si chiama assistenzialismo, non politica industriale. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 29 Novembre 2019, 14:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Per Alitalia e Ilva non serve far risorgere l'Iri. Servono progetti industriali efficaci e sostenibili
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2019-11-30 12:56:50
nessuno si cura del fatto che il settore del trasporto aereo è prospero ovunque. C'è fame di personale di volo. Servono più infrastrutture. Ergo, lasciato fallire una buona volta questo mostro, il personale potrà ricollocarsi facilmente, a condizioni di mercato. Non diamogli più di 6 mesi di CIG. Avremo fatto un affare noi contribuenti e loro dipendenti. I manager, quelli possono andare a casa.
2019-11-30 12:42:35
I populisti danno risposte semplici a problemi complessi, lo fanno i grillini e lo fa la lega di salvini, quota 100 e sussidio di cittadinanza ne è l'incarnazione, e proprio queste due misure messe in campo e clamorosamente fallite, hanno sottratto una marea di miliardi che potevano essere impegnati per sanare queste due società e tante altre aziende Italiane in crisi, si sarebbe potuto bonificare Taranto e mettere in sicurezza l'impianto e accompagnare al prepensionamento gli esuberi e la stessa cosa per Alitalia, facendola diventare appetibile a qualche grossa compagnia. Una cosa è sicura, non ci sono più le risorse pubbliche , e non c'è più neanche lo zio Sam che ci foraggia in nome dell'anti comunismo, dobbiamo camminare con le nostre gambe e se la classe politica non ne è capace faccia un passo indietro.
2019-11-30 08:31:01
Forse serve una classe politica che capisca che ricchezza e posti di lavoro vengono creati dagli imprenditori. ed essere contro gli imprenditori vuol dire stagnazione e disoccupazione.
2019-11-30 13:20:42
i posti di lavoro vengono creati dai consumi, non dagli imprenditori.
2019-11-30 00:19:36
Il capitalismo di stato lo pagano i contribuenti senza averne I profitti.