Zara Rutherford, 19 anni, è la donna più giovane ad aver completato il giro del mondo in solitaria

Giovedì 20 Gennaio 2022 di L.Jatt.
Zara Rutherford, 19 anni, record in solitaria su un aereo in giro per il mondo
1

«È stato... impegnativo, ma allo stesso tempo così sorprendente» ha detto «Penso che ci siano alcune esperienze che non dimenticherò mai e altre che vorrei dimenticare». A parlare, emozionatissima è Zara Rutherford che ha vissuto gli ultimi cinque mesi di viaggio sul suo aereo sorvolando 40 paesi e cinque continenti. La ragazza diciannovenne di Bruxelles ha battuto così il record di donna più giovane ad aver mai volato da sola in giro per il mondo. Il pilota che attualmente detiene il record, Shaesta Waiz, aveva infatti 30 anni quando completò il viaggio.
Rutherford ha intrapreso il suo viaggio epico con il suo Shark Aero, un veivolo ultraleggero a due posti ad alte prestazioni prodotto in Europa.

Bimbo nato prematuro più piccolo del mondo: 21 settimane e 420g di peso

 

Il piccolo aereo

Il piccolo aereo è realizzato appositamente per resistere a lunghi viaggi alla velocità di crociera di 186,4 mph. Dal momento che entrambi i suoi genitori sono piloti certificati, Rutherford ha imparato a usare i comandi degli aeroplani quando era molto giovane. Racconta il padre Sam: «Il primo volo di Zara su un aeroplano molto piccolo è stato quando aveva tre o quattro mesi... E spesso le veniva data l’opportunità di sedersi nella parte anteriore, per cominciare, ovviamente, su circa sei cuscini per essere in grado di manipolare i controlli e spostare l’aereo».
Ma è stato solo circa cinque anni fa che Rutherford ha realizzato veramente la sua passione per il volo.
«Il sogno si è avverato in qualcosa che in realtà voleva fare quando aveva 14 anni e ha iniziato a prendere lezioni di volo» ha detto ancora suo padre. Poi l’adolescente ha avuto problemi con le complicazioni legate al COVID-19 e problemi di visto durante il suo viaggio. Ha detto che una volta raggiunta la Russia, si è pienamente resa conto dei rischi della sua missione.

Infatti racconta: «Non c’erano umani. Faceva troppo freddo. Non esistevano strade, non c’era energia, niente animali nè alberi. Non ho visto un albero per più di un mese».
«Quando voli da solo e all’improvviso si presenta questa sfida, non puoi dire: "Ho finito. Sono fuori. Mi arrendo”. Devi comunque far atterrare l’aereo. Devi assicurarti di scendere a terra in sicurezza». Era spesso stupita dalle cose che vedeva lungo il viaggio: «Volare dritto sopra Central Park!!! A causa dello spazio aereo devi volare abbastanza basso. Ed è molto strano quando... alcuni degli edifici sono ancora più alti di quanto vorresti. Wow , questo è pazzesco», ha detto la giovanissima pilota solitaria.
Prima di iniziare il suo viaggio, Rutherford ha inviato un messaggio a Waiz - la donna che in precedenza deteneva il record di volo - su LinkedIn e le ha chiesto se poteva tentare di battere il suo recordo, se poteva dispiecerle: «Certo, va bene. I record sono fatti per essere battuti» ha risposto il pilota americano-afghano, che ha terminato il suo viaggio nel 2017. «Non solo volerai in giro per il mondo, ma io farò tutto il possibile per aiutarti, perché è un’esperienza incredibile e voglio che tu possa provarla».

 

Inghilterra, la famiglia albina più grande al mondo è da record


Waiz salì sul suo primo aereo da bambina, quando la sua famiglia lasciò l’Afghanistan come rifugiata durante la guerra sovietico-afghana e si stabilì in California. Non ha volato di nuovo fino all’età di 17 anni. «Ero terrorizzata. Ma non appena l’aereo è decollato, qualcosa si è acceso in me e ho pensato tra me e me “questo è quello che voglio fare per il resto della mia vita”».
Cambiare prospettiva, volare in solitaria intorno al mondo, per Rutherford e Waiz, non significava solo attraversare i confini geografici e battere record, ma anche vedere la vita da una prospettiva diversa.
Per Waiz, la cosa unica dell’aviazione è il modo in cui elimina tutte le discriminazioni e le differenze tra le persone: «Quando sei in aereo e stai volando, è un ambiente così imparziale che a quell’aereo non importa da dove vieni o che aspetto hai».

Rutherford ha detto anche che il volo le ha insegnato che la vita è “fragile” e che c’è «molto di più nella vita che ottenere una buona carriera e guadagnare e avere un buon stipendio».
Spera che il suo viaggio storico ispiri altre ragazze e donne a inseguire i propri sogni. «Il suo obiettivo in realtà non è quello di volare in giro per il mondo. Il suo obiettivo è incoraggiare le giovani donne e ragazze a considerare e, si spera, intraprendere una carriera nell’aviazione, nella scienza, nella tecnologia, nell’ingegneria e nella matematica», ha detto il padre di Rutherford. «Non ha molto senso che lei voli per il mondo se nessuno lo viene a sapere. Abbiamo tutti i nostri mondi in cui volare». Cosa e quanto sappiamo invece sulla vita privata di Zara? La giovane e determinata aviatrice sembra essere molto riservata dal punto di vista affettivo e, nonostante sia presente sui social e molto attiva soprattutto su Instagram, Zara ama condividere coi suoi numerosi followers solamente gli scatti dei suoi voli e del suo lungo viaggio intorno alla terra e dunque al momento si fa molta fatica a capire se sia, o meno, sentimentalmente legata a qualcuno.




 

Ultimo aggiornamento: 20:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA