Foto scattata in un giardino di Terni è la più bella per il National Geographic

PER APPROFONDIRE: national geographic, terni
Foto scattata in un giardino di Terni è la più bella per il National Geographic

di Lorenzo Pulcioni

Un ternano vince il concorso fotografico del National Geographic Italia nella categoria mondo animale. David Francescangeli è per sua stessa ammissione un fotografo amatoriale, anche se gli calza meglio la definizione di “fotografo della natura”. E’ il tipo che gira per boschi e campagne da solo ed in orari strani. «Sono un lupo solitario, forse per sentirmi più in simbiosi con la natura» racconta. Ad essere premiata è stata la foto di un verdone comune, uccello passeriforme della famiglia dei Fringillidi, nel mezzo di una tormenta di neve, scattata nel giardino di casa: «Vivo sotto i Monti Martani e nel mio terreno ho una mangiatoia per gli uccellini. Ma era un giorno di buriana e i più piccoli venivano sbalzati indietro dalle raffiche, mentre fringuelli e verdoni provavano a resistere».



Incuriosito e in preda all’adrenalina esce in giardino e si sdraia a terra con la macchina fotografica riparandosi con uno zaino e due cuscini. «Ho gattonato per qualche metro e ho notato questo maschio di verdone che tentava di resistere alle folate di vento. La neve appannava la lente del teleobiettivo e c’è voluto un po’ per beccare il momento giusto ed ottenere l'effetto che volevo: il verdone fermo e la neve che lasciava una piccola scia per il vento».

La foto è stata scelta dalla prestigiosa rivista per il suo forte messaggio, per la dinamicità e allo stesso tempo per la drammaticità. Per lo sguardo fiero ma preoccupato dell'uccellino, metafora delle scelte politiche mondiali che vanno contro il rispetto della natura: «La foto trasmette l’estrema forza della natura e la lotta dell’uccellino per la sopravvivenza in condizioni limite. Contro vento con gli occhi semichiusi che sta lì piantato a terra per non farsi portare via. Chiunque di noi, di fronte alla natura, alla sua forza e alla sua bellezza, è un essere piccolo. Possiamo solo fare di tutto per rispettarla e non essere travolti».

Un po’ come ha fatto David rendendosi conto che nel suo giardino era di fronte a una scena irripetibile. Così ha trovato il coraggio di uscire e buttarsi a terra in mezzo alla tempesta in preda all’adrenalina, con l'illuminazione improvvisa e la sensazione di trovarsi al posto giusto nel momento giusto. «Diciamo che la strumentazione e il fotografo sono riusciti a fare esattamente quello che doveva essere fatto. Di solito una foto va pensata prima, mentre questa è nata al volo guardando dalla finestra la natura e sicuramente per questo non è banale o troppo tecnicai.

David ha coronato una passione che nasce da bambino: «Il mio primo libro è stata l'enciclopedia degli animali. Volevo fare il veterinario, scaricavo i rullini della prima EOS 650 che papà comprò nel 1986 per fotografare i grilli. Poi crescendo ho ritrovato il modo di unire le due passioni. Fotografare gli animali è un modo incredibile per staccare col mondo esterno e ricaricare le batterie».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 4 Febbraio 2019, 17:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Foto scattata in un giardino di Terni è la più bella per il National Geographic
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-02-06 17:06:59
Al National Geographic non sono principianti in fatto di fotografie, certamente meno principianti di quelli che scoprono i tarocchi da una foto sul sito di un giornale...
2019-02-05 22:23:21
Bella davvero
2019-02-05 19:50:27
.. il premio lo merita l'uccello per aver dimostrato all'uomo come si affrontano i dilemmi dell'esistenza.. e questo non può essere taroccato..
2019-02-05 14:46:56
Foto taroccata con Photoshop.Incredibile che abbia vinto un premio.
2019-02-05 20:38:20
vuol dire che l'ha taroccata bene. mi ricordo che una volta quelli che si vantavano di essere fotografi in gamba erano solo gente che aveva infinite disponibilità di pellicola e relativo laboratorio per la stampa. il privato non poteva permettersi il lusso di fare un rullino di 36 foto e salvarne solo una se andava bene. adesso col digitale è tutto molto più semplice, basta cancellare quelle non buone ma una buona macchina fa sempre la differenza. comunque non ci credo che gli sono serviti uno zaino ed i cuscini, con un buon tele certe cose fanno solo scena.