Sfigurata per un ritocco, voleva togliere le borse sotto gli occhi: «Con questi connotati, mi vergogno di uscire»

L'intervento per la donna romana era regalo di compleanno. Ma la dottoressa le ha lasciato ustioni e cicatrici permanenti. L'intervento in uno studio privata a Trastevere

Giovedì 29 Settembre 2022 di Erika Chilelli
Sfigurata per un ritocco, voleva togliere le borse sotto gli occhi: «Con questi connotati, mi vergogno di uscire»

«Ho sofferto di depressione, mi ha cambiato i connotati». Voleva togliere le borse sotto gli occhi, ma lintervento ambulatoriale è andato male e, ora, una donna di 67 anni ha il viso sfigurato. Ad effettuare il “ritocco un medico di chirurgia generale, non specializzato in medicina estetica, in uno studio privato a Trastevere. La dottoressa, Maria C., 47 anni, è accusata di lesioni colpose. «Mi diceva che la chirurgia non serviva e che il laser era la scelta giusta, ho un sfregio permanente al volto», ha riferito la vittima a “Il Messaggero”.

Linda Evangelista torna a sfilare dopo l'intervento che la ha sfigurata: pioggia di applausi all'evento Fendi a New York


I FATTI
È il 2018 e la signora si reca nello studio della dottoressa per accompagnare un’amica che doveva effettuare un intervento di blefaroplastica con il laser, per togliere le borse sotto gli occhi. È così che avviene il loro primo incontro. «Quando eravamo lì, la dottoressa mi ha guardato e mi ha detto: “Sei carina, perché non lo fai anche tu?”». La vittima, che ha già chiesto informazioni ad un chirurgo estetico in ospedale, sa che è necessario un intervento chirurgico e che il costo è di 4mila euro. La dottoressa, però, la rassicura. «Mi ha detto che la chirurgia per quel tipo di ritocco non serviva più e che il laser la sostituiva perfettamente eliminando la pelle in eccesso con facilità». Inoltre, la chirurga le prospetta tempi rapidi di guarigione e un costo di mille euro. «La procedura mi è stata regalata per il mio compleanno da mio marito e mia figlia, così sono andata». È il 29 ottobre del 2018 e nello studio di Trastevere, questa volta, si reca come paziente.


Dopo qualche giorno, attorno a un occhio si formano delle croste, ma la dottoressa le dice che è normale e che cadranno da sole. Quindici giorni dopo, guardandosi allo specchio e tastandosi il viso, la donna sente che qualcosa non va. «C’era come un cordone rigido fra il naso e l’occhio, lei mi ha detto che si trattava di un cheloide». Passano 40 giorni e la donna si reca nello studio privato per un controllo. A quel punto la dottoressa, secondo il racconto della vittima, ha preso il bisturi e ha riaperto la ferita per eliminare il cheloide, poi ha passato il laser sul taglio: «Così non si formeranno cicatrici», le spiega. La situazione, però, non migliora: «Avevo l’occhio tumefatto e così sono ritornata da lei che ha tagliato di nuovo, questa volta all’altezza del sopracciglio, passando nuovamente il laser sulla ferita». Una procedura che non ha l’effetto sperato e getta la donna nello sconforto: «Mi ha detto che avremmo risolto tutto, ma non le ho creduto e sono andata da un chirurgo estetico. Lui mi ha guardato e mi ha detto: “ma che cosa le ha fatto questa?”». Sul suo viso, infatti, ha ustioni di II e III grado e cicatrici permanenti sul sopracciglio destro e alla radice destra del naso.


LE RIPERCUSSIONI
«Avevo un viso magro e non ne avevo bisogno, mi sono lasciata convincere». Ha avuto inizio così il calvario della donna che ha portato ad un cambiamento drastico della sua vita dovuto, non solo ai danni estetici e medici, ma alle diverse ripercussioni psicologiche: «Non mi riconoscevo più allo specchio e faccio ancora fatica ad accettarlo - ha riferito a “Il Messaggero- Non riesco più a relazionarmi con le persone. Ricordo ancora come mi guardavano a lavoro. Ho dovuto prendere la malattia per una quarantina di giorni». La denuncia alla dottoressa Maria C. arriva il 2 luglio del 2019. La vittima, difesa dall’avvocato Chiara Confortini, ha chiesto un risarcimento economico del danno. «La dottoressa dice che le cicatrici sono state causate dal laser anche se mi ha riaperto la ferita per due volte. Sono cinque anni che vivo questo calvario», conclude esasperata la 67enne.

 

Ultimo aggiornamento: 23:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci