Fa sesso durante viaggio di lavoro e muore di infarto: «È incidente sul lavoro, l'azienda paghi la moglie»

PER APPROFONDIRE: incidente, lavoro, sesso
Fa sesso durante viaggio di lavoro e muore di infarto: «È incidente sul lavoro, l'azienda paghi la moglie»
Sposato e in viaggio di lavoro, approfittò della"solitudine" per fare sesso con una donna nella sua camera d'albergo: poco dopo, quella sera, fu trovato morto, stroncato da un infarto, e la sua scomparsa fu catalogata come «incidente sul lavoro» da varie sentenze, adesso definitive. Per questo ora la sua azienda dovrà pagare un'enorme somma alla famiglia del dipendente, Xavier X., scrivono i media britannici tra cui il Mirror.

Xavier era un ingegnere e lavorava per TSO, una società francese del campo delle ferrovie: la sua morte risale al 2013, quando si trovava a Meung-sur-Loire. Uscito a cena dopo il lavoro, incontrò una donna e la portò nella sua camera d'hotel per fare sesso, ma quella serata finì in tragedia: l'azienda in tribunale ha tentato in tutti i modi di impedire che si archiviasse il caso come morte sul lavoro, ma varie sentenze dei giudici hanno affermato che «un dipendente in viaggio di lavoro è di responsabilità del suo datore di lavoro», indipendentemente da ciò che fa prima o dopo l'orario di lavoro appunto.

La sentenza prevede ora che la famiglia dell'uomo avrà diritto a beneficiare dallo Stato e dall'azienda un sussidio mensile fino all'80% del suo ultimo stipendio fino all'anno in cui sarebbe andato in pensione: già dieci anni fa le prime sentenze su casi simili avevano stabilito lo stesso principio, secondo cui qualsiasi morte o infortunio subìto da dipendenti in viaggio di lavoro lontani dalla sede della loro azienda equivale ad un «incidente sul lavoro».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Settembre 2019, 21:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Fa sesso durante viaggio di lavoro e muore di infarto: «È incidente sul lavoro, l'azienda paghi la moglie»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-09-13 13:03:56
"Post hoc" non implica "propter hoc" Poi sta a vedere se la polizza fosse di tipo Kasko h 24 tutto l'anno rinnovata.. senza indagare se l'incidente e'avvenuto prima, durante o dopo..
2019-09-13 07:12:37
In italia l'Inps fa di tutto per NON riconoscere gli incidenti da lavoro. Un tempo se avevi un incidente in auto andando a lavorare era "in itinere" automaticamente, perche' ti trovavi in quel posto per andare a lavorare. Adesso fanno mille cavilli partendo dall'idea che uno dovrebbe COMUNQUE utilizzare i mezzi pubblici. Eggia'. Io lavoro a 20 km da casa. In auto 20 minuti scarsi. Con i mezzi devi fare il giro di Roma e ci metterei 2 ore. Quelle 3 ore di vita che perderei ogni giorno a zonzo me le ripaga l'INPS ?
2019-09-12 12:29:16
Il datore di lavoro a questo punto deve farsi firmare una liberatoria o in alternativa licenziare il lavoratore.
2019-09-12 21:09:09
Dopo morto? Hai letto l'articolo? Vai tu a prendere la firma nell'aldila'?