Super radiotelescopio canadese rileva 500 lampi radio veloci. «Origine sconosciuta»

Mercoledì 9 Giugno 2021 di Riccardo De Palo
Super radiotelescopio canadese rileva 500 lampi radio veloci. «Origine sconosciuta»

Tra i vari scopi del Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment (Chime), un radiotelescopio canadese costato sedici milioni di dollari e che si trova nella British Columbia, è di scoprire come si è formato l’universo. Ma anche studiare i cosiddetti lampi radio veloci, emissioni extragalattiche di origine ignota. Dalla sua costruzione, un anno fa, sono state captate cinquecento di questi fenomeni.

Segnali misteriosi da una galassia lontanissima, ma E.T. non c'entra

I lampi radio veloci, o “Fast radio bursts”, FRB, secondo l’acronimo inglese, sono emissioni di onde radio che arrivano all’improvviso e senza alcuna regola apparente dallo Spazio, per tempi di solito brevissimi, da un millisecondo ad alcuni millisecondi. Di che si tratta? Non lo sappiamo, potrebbe trattarsi di un fenomeno naturale come di una trasmissione "artificiale" (sì, gli alieni sono sempre un'ultima ipotesi, per gli scienziati).

 

Il radiotelescopio Chime, grazie alle sue antenne fisse di nuova generazione, ha quadruplicato il numero di lampi radio veloci fino ad ora, grazie anche alla collaborazione con il celebrerrimo Massachusetts Institute of Technology (Mit). 

 

Per l’esattezza, le emissioni ricevute sono state 535, da luglio 2018 a luglio 2019. Ma i segnali captati sono molto di più e il numero si limita a dare conto di quelli che sono stati “processati” a dovere. Questo radiotelescopio viene utilizzato per captare segnali antichissimi, che provengono dagli albori dell’universo, tra i sei e gli undici miliardi di anni fa. Ora gli scienziati hanno presentato alla conferenza dell’American Astronomical Society, il primo “catalogo” di questi lampi radio. «Prima di Chime - ha detto al Daily Mail Kaitlyn Shin, un ricercatore del Mit coinvolto nel progetto - i segnali captati erano stati in tutto un centinaio. Ora, ne stiamo scoprendo centinaia di nuovi ogni anno. Una volta ne abbiamo captati quattro in una notte, è stato il mio record personale». 

UFO, le anticipazioni della Cnn: ecco cosa dice l'indagine sugli "alieni"

Le origini di queste emissioni sono ignote: ne sono state captate in zone molto diverse dell’universo, e in alcuni casi provenivano dalla nostra stessa galassia, la Via Lattea. Fondamentalmente si dividono in due categorie: i lampi radio che tendono a ripetersi, e quelli che restano casi isolati.

La vita extraterrestre? Ecco cosa ha scoperto la scienza

Ma di cosa si tratta? Il fatto che arrivino sino a noi, e che riescano a essere captati da Chime significa che provengono da fonti energetiche molto potenti. Non esistono però fenomeni astronomici a noi noti che possano generare simili segnali, ultraveloci e ultrapotenti. Finora non è stata scartata nessuna ipotesi, dalla collisione tra stelle a messaggi creati artificialmente da qualche entità extraterrestre. 

 

Il primo lampo radio veloce fu captato nel 2001, ma soltanto nel 2007 gli scienziati se ne resero conto, esaminando dati precedentemente archiviati. Serve tempo a riconoscere questi fenomeni, perché prima bisogna escludere ogni ipotesi di errore, come il malfunzionamento di un macchinario. Gli astrofisici dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics sostengono comunque che, a prescindere da cosa possa averli generati, i lampi radio veloci possono essere usati per studiare la struttura e l’evoluzione dell’universo. 

 

Ultimo aggiornamento: 19 Giugno, 15:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA