Gioca un euro e vince un milione. Ma per incassare dovrà aspettare qualche mese

Venerdì 16 Aprile 2021 di Teodora Poeta
Gioca un euro e vince un milione. Ma per incassare dovrà aspettare qualche mese

La dea bendata è tornata a baciare Teramo con un’altra maxi vincita da un milione di euro al Million day. La giocata fortunata è stata fatta lunedì sera da un cliente della tabaccheria di Anita Di Teodoro a Villa Pavone, ancora sconosciuto. Felici i titolari dell’attività che hanno scoperto la vincita solo ieri sera. «In realtà ce ne siamo accorti guardando le ricevitorie dove erano state fatte le vincite sul monitor del 10 e Lotto – racconta Alessandro Procaccia, marito della titolare -. Poi, in serata, abbiamo avuto la conferma con il bollettino di Lottomatica».

Non c’è stato ancora neanche il tempo di brindare, insomma. «No, perché è successo tutto velocemente», dice. Chissà, invece, se il vincitore avrà già iniziato a festeggiare. «Fino ad adesso, qui da noi, nessuno si è fatto vivo», ammette. Certo, un biglietto sarebbe bello riceverlo. Anche se lo stesso Procaccia conferma che la loro ricevitoria si trova in un posto molto di passaggio, lungo viale Europa, e il fortunato o la fortunata potrebbe anche non essere del posto. I titolari, comunque, mantengono il segreto, ammesso che sappiano qualcosa sull’identità del nuovo milionario teramano.

Per lui o lei, adesso, dovranno passare un po’ di mesi prima che la vincita venga validata e che si possa quindi incassare i soldi per poi pagare anche le tasse dovute. Adesso, intanto, è già scattata la caccia all’uomo perché è inutile negarlo tutti vogliono sapere di chi si tratti. Chi è il fortunato che con una giocata da un solo euro è riuscito ad azzeccare cinque numeri e vincere un milione di euro. Perché tanto ha puntato al Million day: un euro, incassando un milione. La curiosità è sapere dove abbia trovato quei numeri: nei suoi sogni o alla rinfusa. «Di solito chi gioca poco, vince tanto», ironizza Procaccia che da circa 20 anni gestisce con la moglie la tabaccheria – ricevitoria a Villa Pavone. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA