Consumi, preoccupa crollo delle vendite alimentari: fino a-6% per la grande distribuzione

Lunedì 3 Maggio 2021
Consumi, preoccupa crollo delle vendite alimentari: fino a-6% per la grande distribuzione

«Il crollo delle vendite alimentari - fino a-6% per la grande distribuzione 2021 su 2020 - è espressione di una riduzione del potere di acquisto degli italiani sempre più preoccupati dal ritardo nell'uscita del nostro Paese dall'emergenza e va letto nella sua interezza»: così Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia, sintetizza l'allarme lanciato da Banca D'Italia sulle crescenti disuguaglianze fra le famiglie italiane e la caduta dei prezzi dei beni alimentari che, secondo l' Istat, sono diminuiti passando da +1% a -0,3%.

Filiera Italia aggiunge in una nota «preoccupazione per il pericolo di un'inadeguata remunerazione dei prezzi a monte e per l'aggravarsi del food social gap», la frattura fra chi può permettersi cibo di qualità e chi, invece, è costretto a rivedere al ribasso le proprie scelte alimentari. «La pandemia ha influito in maniera diversa sulle famiglie italiane a seconda della tenuta del posto di lavoro e - prosegue Scordamaglia - è evidente da questi ultimi dati che il settore agroalimentare sconti la prolungata chiusura della ristorazione».

Ultimo aggiornamento: 4 Maggio, 10:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA