Dinosauri, la tesi dello studio rivoluzionario: ecco perché si sono estinti

PER APPROFONDIRE: asteroide, dinosauri, terra
Dinosauri, la tesi dello studio rivoluzionario: la vera ragione per cui si sono estinti
Un particolare studio dell'Università del Texas rivela uno scenario da incubo: fra incendi, tsunami e nubi tossiche di zolfo non fu solamente l'impatto di un asteroide killer ad uccidere i dinosauri fino a portarli all'estinzione. Secondo la ricerca «Il primo giorno del Cenozoico» pubblicata dalla rivista Pnas della National Accademy of Sciences degli Stati Uniti, a sterminare i grandi rettili del passato - e con loro molte altre specie animali e vegetali del nostro pianeta - è stato uno scenario da incubo che si è verificato intorno al cratere d'impatto di Chicxulub, sotto la penisola dello Yucatan. Uno scenario in cui si sono combinati tsunami, incendi e nubi tossiche di zolfo tanto da rendere la Terra invivibile fin dalle prime ore dalla collisione. 

L'impatto, sottolinea lo studio coordinato - ed a prima firma - da Sean P.S. Gulick, ha infatti prodotto un raffreddamento globale del nostro pianeta provocato, 66 milioni di anni fa, da nubi tossiche di zolfo, praticamente irrespirabili, onde oceaniche e grandi incendi che hanno coperto i raggi solari gettando la Terra in un improvviso «gelido inverno».

Nello studio, decine di geologi per la prima volta hanno valutato le rocce sul luogo di caduta dell'asteroide attraverso la perforazione del cratere di Chicxulub, sotto la penisola dello Yucatan, fra il mare e la terra. Analizzando i materiali raccolti nelle carote di materiali raccolte nel cratere, a 500 e fino a 1.300 metri di profondità, gli scienziati hanno così potuto delineare lo scenario catastrofico che ha portato alla perdita del 75% di vita sul nostro pianeta.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Settembre 2019, 18:09






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Dinosauri, la tesi dello studio rivoluzionario: ecco perché si sono estinti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti